Palio delle Contrade di Siena

Sienna (Toscana)

Il Palio delle Contrade è il più famoso dei Palii italiani. Si tratta di una corsa di cavalli, che si svolge due volte all'anno (il 2 luglio per il Palio di Provenzano e il 16 agosto per il Palio dell'Assunta nella città di Siena, in Piazza del Campo, piazza centrale. Ogni coppia cavaliere rappresenta una delle diciassette contrade della città. Una grande parata precede la gara che attira spettatori da tutto il mondo.
Cavalli e cavalieri indossano i colori e le armi delle loro contrade.

La prima gara, il Palio di Provenzano, che si tiene il 2 luglio, corrisponde all'antica data della Visitazione e ad una festa locale in onore della Madonna di Provenzano, una scultura lignea, collocata nell'omonima chiesa costruita sul sito della residenza del condominio Provenzano Salvani.
La seconda gara, il 16 agosto, si svolge il giorno dopo l'Assunzione ed è dedicata alla Vergine Maria. Dopo alcuni eventi molto importanti, la comunità senese potrebbe decidere di organizzare un terzo Palio tra maggio e settembre.

palio.jpg
003-the_palio_di_siena1.jpg

La gara inizia con 10 cavalli, il che significa che solo 10 dei 17 distretti possono essere rappresentati in ogni gara. I sette rappresentanti di quartiere che non hanno partecipato all'ultima gara della stessa data dell'anno precedente sono automaticamente inclusi e altri tre sono selezionati a caso. Tre giorni prima della gara, i proprietari privati offrono nelle loro scuderie la scelta di dieci cavalli di qualità equivalente a quella dei rappresentanti dei quartieri. Il sorteggio determina l'assegnazione dei cavalli ai contrade.
Sei gare di prova: la prima la sera della selezione dei cavalli e l'ultima la mattina dopo il Palio. Gli abitanti credenti di ogni contrada invocano l'aiuto del loro santo patrono per il loro cavallo e fantino.
Poco prima dell'inizio della corsa, i cavalli si recano ciascuno alla chiesa o cappella delle contrade di cui sperano di essere benedetti dal sacerdote.
A partire dal sospetto di doping del 2002, il regolamento del Palio de Siena vieta la somministrazione o la somministrazione di qualsiasi sostanza dopante ai cavalli e prevede severe sanzioni in caso di verifica mediante esami del sangue effettuati sui cavalli presentati dai proprietari.
La corsa è preceduta da una spettacolare sfilata, chiamata il corteo storico, dove gli Alfieri, sbandieratori, in costumi medievali, marciano tra i tanti altri. Prima di questo, una squadra di carabinieri a cavallo, con le spade, fa una carica di cavalleria sulla pista.

Gli spettatori arrivano presto la mattina presto, e riempiono il centro della piazza, all'interno della pista fino alla saturazione. In questo luogo, i posti sono gratuiti. I posti a sedere, venduti con largo anticipo, possono anche essere forniti. E' anche possibile affittare posti sui balconi degli edifici circostanti.
La gara viene annunciata alle 19:30 di luglio e alle 19 di agosto, con la detonazione di una carica esplosiva. I protagonisti, che salgono a pelo, fanno tre giri della piazza. All'inizio, solo nove cavalli possono essere allineati sulla stessa linea, il decimo (chiamato rincorsa) inizia dietro gli altri nove. La partenza è data dal Mossiere, che deve attendere che tutti i cavalli siano in posizione. Quando questo è (difficilmente) fatto, attiva un meccanismo che rimuove il divano (il cavo di avviamento).
In pista i cavalieri possono utilizzare le loro fruste per colpire altri cavalli e cavalieri. Il vincitore è il primo cavallo a finire la gara con gli ornamenti della testa intatti. Non è necessario che il pilota finisca la gara (che è comune). Il perdente in gara è il quartiere che finisce secondo e non ultimo.
Il vincitore riceve una bandiera di seta dipinta, chiamata palio, progettata appositamente per ogni gara.
Anche se l'entusiasmo dopo la vittoria è estremo, la cerimonia di premiazione è immediata. A volte si verificano lotte tra sostenitori di quartieri diversi e i perdenti sono spesso ridicolizzati dai vincitori.

Anche gli spettatori corrono dei rischi. Le principali critiche provengono da associazioni animaliste e veterinari che protestano contro il maltrattamento dei cavalli (lesioni e talvolta anche la morte). La concorrenza dei mezzi-sangue e persino dei purosangue ha aumentato il rischio di incidenti gravi.
Nell'agosto 2004, il cavallo della contrada de Bruco è caduto ed è stato calpestato perché la corsa non è stata fermata. Il cavallo è morto per le sue ferite, causando varie lamentele da parte delle leghe per il benessere degli animali.

paliosienne2.jpg
palosienne3.jpg
palioseienne.png