La Fenice ...

Gran Teatro La Fenice ...

È la storia di un edificio predestinato ad affrontare le fiamme. La Fenice - la Fenice - uno dei monumenti del bel canto, ha conosciuto diversi incendi nella sua storia e ha dovuto rinascere dalle sue ceneri.
Uno sguardo al passato maledetto di quest'opera tanto cara ai veneziani.
Con il suo uccello mitologico come emblema, La Fenice è una delle scene più famose per l'Opera. Verdi creò la Traviata e il Rigoletto in particolare. Stravinsky, Britten e Prokofiev hanno composto opere per questo luogo e la Callas si è distinta per aver interpretato due ruoli nello stesso mese.
Ma La Fenice è stata colpita anche da ripetuti incendi dalla sua nascita nel 1792.

Il Gran Teatro de Venice si trova in Piazza San Fantino, a due passi da Piazza San Marco.
Alla curva di un vicolo, appare l'edificio. Non molto grande e in stile neoclassico, La Fenice sembra allontanarsi dalla grandiloquenza dello stile barocco.
Ma dietro le sue pareti, il teatro dell'opera nasconde una pomposa sala teatrale piena di decorazioni rococò. Le numerose dorature e modanature si distinguono dall'apparente serenità del soffitto azzurro.
La forma tradizionale della sala a ferro di cavallo permette agli spettatori di assistere agli spettacoli tanto quanto di essere visti. In linea con gli edifici veneziani, La Fenice ha due ingressi: una facciata principale, che è l'unica parte sopravvissuta agli incendi, e una facciata che si affaccia sul canale per permettere alle famiglie più ricche di arrivare in gondola.

fenice14.jpg
fenice13.jpg

Ricostruito in un anno

1836: l'edificio in cenere fu ricostruito in un anno.
La reputazione del sito deriva anche da eventi molto più tragici. La Fenice, nata dalle ceneri di San Benedetto, da allora ha avuto altri due incendi. Il primo nel 1836, nella notte tra il 13 e il 14 dicembre. In quel giorno è stata provata un'opera presentata due anni prima a Napoli: Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti. Intorno all'una del mattino, la guardia del teatro è stata svegliata da un forte odore di bruciato. Mentre La Fenice si prepara a vivere il carnevale invernale, l'edificio brucia a causa di una stufa difettosa appena installata. Gli osservatori in Piazza San Marco danno l'allarme, ma non si fa niente. In quasi tre ore, l'incendio ha trasportato tutto quello che c'era sul suo cammino, tranne la facciata e il tetto di vetro.
E' un lutto che può essere presto dimenticato perché La Fenice si alza tanto rapidamente quanto si è bruciata. E' allora che il suo nome diventa profetico.
Per volontà del governo austriaco, l'opera fu ricostruita da Giovanni Battista Meduna e da suo fratello Tommaso in meno di sei mesi.
L'affresco del soffitto è affidato a Tranquillo Orsi. La compagnia assicurativa austro-italiana Generali, fondata nel 1831, fornisce al teatro un importante sostegno finanziario per l'opera. L'auditorium riaprì un anno dopo il dramma, nel dicembre 1837, con un'opera appositamente composta per l'occasione da Giuseppe Lillo: Rosmunda a Ravenna. L'opera è accompagnata da un balletto di Antonio Cortesi.
Il brevissimo periodo di ricostruzione ha permesso a La Fenice di riprendersi rapidamente, ma ha anche causato problemi duraturi nel funzionamento della sala.
Nel 1854, i proprietari fecero ristrutturare il teatro.
Non si muoverà fino al 1996.

fenice3.jpg
fenice15.jpg
Ricostruire La Fenice « Dov'era, com'era »

Nel Senso di Luchino Visconti, è a La Fenice che i nazionalisti italiani rivendicano il desiderio di porre fine all'occupazione austriaca. In questa scena di apertura, gli avversari, esaltati dal terzo atto della "Trouvère" di Verdi, lanciano volantini con i colori della bandiera italiana.
Grida "Viva Verdi" per mostrare con un acronimo il loro attaccamento a Vittorio Emanuele, re d'Italia.
Fortunatamente, queste immagini del regista italiano diventano ancora più preziose perché serviranno a riprodurre fedelmente questa mitica ambientazione.

Dopo l'oltraggio per questo stupido crimine, facciamo spazio ai sostenitori. Mentre la direzione e la città annunciano tre anni di ricostruzione, stati, associazioni e cittadini di tutto il mondo si stanno mobilitando per fornire assistenza finanziaria.
La riapertura è prevista per dicembre 1999 con un concerto diretto da Riccardo Muti. Impregilo si è aggiudicata la gara per il cantiere. Ma dopo poche settimane di lavoro, l'azienda Holzmann-Romagnoli, seconda al concorso, ha presentato ricorso al tribunale amministrativo. Il progetto non terrebbe conto di un allegato al teatro. I lavori si interrompono quindi in attesa della decisione del tribunale. Holzmann-Romagnoli ha infine vinto il progetto su decisione del Consiglio di Stato.
L'architetto responsabile del progetto, Aldo Rossi, non sentirà nemmeno la notizia perché nel frattempo muore in un incidente stradale. Dobbiamo adattarci al nuovo progetto di Rossi, ma il tempo passa e il desiderio dei veneziani di vedere il loro teatro risorgere non si è ancora realizzato. Nel 2000 è stato il nuovo sindaco della città, Paolo Costa, a decidere di accelerare il progetto. L'autorità pubblica rileva il sito e lo affida a una nuova società, con l'obbligo di completarlo entro novembre 2003.
La Sacaim ha terminato il lavoro in 630 giorni.
Il teatro prende forma come per magia, quasi allo stesso modo. Secondo Lucien d'Azay, scrittore che vive a Venezia, l'acustica è addirittura migliorata. Quest'ultimo si rammarica dell'insostituibile patina dovuta al fumo di sigarette e candele, quando si poteva ancora cenare nei teatri.
La Fenice ha ufficialmente riaperto le sue porte il 14 dicembre 2003 con Die Weihe des Hauses di Beethoven di Riccardo Muti. Dopo queste tante avventure, Venezia è tornata ad essere uno dei suoi gioielli più preziosi.

fenice2.jpg
fenice5.jpg
Nato da un incendio
e le ambizioni della famiglia Grimani

Nei secoli XVII e XVIII la Serenissima visse un periodo di dinamismo culturale.
Conduciamo un'esistenza ricca lì. Fu allora che le opere liriche furono abbandonate nella sfera privata. Ricche famiglie veneziane iniziarono a finanziare i teatri per poter rappresentare opere liriche in pubblico.
Le famiglie dimostrano la loro ricchezza attraverso l'architettura di questi luoghi e la maestosità delle opere liriche. Avere un tale segno segna le menti di tutta la città e del resto del mondo.
Per diversi decenni, questi teatri sono stati quindi al centro di guerre simboliche. I Grimani sono una di queste famiglie. Questi patrizi fondarono nel XVII secolo uno dei più grandi teatri d'opera drammatica dell'epoca: il Teatro dell'Opera di San Giovanni Grisostomo. Nel 1753, quando la fama della loro opera cadde in seguito a spettacoli lirici più leggeri - Opéra buffa - Michiel Grimani decise di costruire il San Benedetto. Cerca di tornare ad essere la punta di diamante dell'Opera seria, un'opera drammatica. Ma ben presto la famiglia Grimani dovette affrontare la crisi economica e una crisi del genere lirico. Nel 1766 Michiel Grimani fu costretto a cedere il San Benedetto ai proprietari delle logge e nel 1773 il teatro dell'opera fu addirittura bruciato pochi anni dopo. Ricostruito, il San Benedetto passò definitivamente nelle mani della famiglia Vénier nel 1786, dopo un lungo processo.
E' quindi attraverso le fiamme che nasce La Fenice. I Grimani e la Nobile Società di Palchettisti commissionarono all'architetto Gian Antonio Selva la costruzione di un nuovo teatro in una nuova sede nel 1790. Non gli interessa la decisione, presa dai magistrati veneziani qualche anno prima, di vietare la costruzione di un nuovo teatro senza il consenso del Consiglio. I magistrati erano irritati da questa follia costruttiva delle famiglie veneziane mentre la città si trovava in difficoltà economiche. Alcune famiglie non riescono più nemmeno a pagare i loro dipendenti.
La Nobile Società di Palchettisti dà quindi al suo teatro il nome dell'uccello mitologico risorto, la Fenice, alludendo ai suoi problemi legali e all'incendio del San Benedetto. Due anni dopo, nel 1792, i veneziani poterono assistere alle prime rappresentazioni in quello che sarebbe diventato uno dei teatri più rinomati al mondo.

fenice12.jpg
Evitare i ritardi di pagamento...

1996: Due elettricisti appiccano un incendio devastante per evitare irrisori ritardi nei pagamenti. E' stata la notte del 29 gennaio 1996 che la leggenda è stata riportata alla luce. Verso le nove di sera, le grida provenivano dal campo di San Fantin. Un fumo denso emana da La Fenice. Per più di otto ore, i soccorritori hanno cercato di calmare il fuoco, ma con molto dolore perché i canali adiacenti al teatro sono stati prosciugati a causa della pulizia. L'intervento sarà probabilmente complicato in questa città che non ha idranti. Gli abitanti indifesi possono solo guardare il loro patrimonio bruciare e sperare che le fiamme non si diffondano al resto della città a causa del vento.
L'incendio si è finalmente calmato, possiamo solo vedere il danno, ed è significativo. A peggiorare le cose, la sala era in procinto di installare nuovi sistemi antincendio. I vecchi sistemi sono stati poi scollegati perché spesso si attivano con la polvere del lavoro.
I veneziani si sono poi espressi e hanno affermato il loro desiderio di ricostruire La Fenice "Dov'era, com'era" ("com'era e dove si trovava").
Ma come nel 1792 o 1837? Altre voci sono a favore di un'opera nuova di zecca che porterebbe la città dei Dogi in una nuova era.
È il caso dell'architetto Renzo Piano. Ma questo non succederà.
Infine, la Fenice sorgerà dalle ceneri nella sua versione del 1837.

L'equipe teatrale si stabilisce sull'isola del Tronchetto, sotto una tenda gigante, vicino ad un parcheggio e ad un complesso petrolchimico, per consentire ai 350 dipendenti di continuare la loro attività. Allo stesso tempo, stiamo cercando di determinare l'origine dell'incendio. In primo luogo, si ritiene che il disastro sia stato causato da un corto circuito nell'impianto elettrico in fase di installazione. Ma dopo poche settimane, gli esperti hanno scoperto che l'incendio era di origine criminale.
Si sentono poi tutti i tipi di ipotesi, ma la suspense termina nel maggio 1997. Gli autori del reato sono Enrico Carella e Massimiliano Marchetti, due elettricisti che lo hanno fatto per evitare di dover pagare un risarcimento per il ritardo nella consegna dell'opera. I due colleghi, rifiutando di perdere poco meno di 10.000 euro, hanno dato fuoco al loro lavoro. Non avevano idea che il fuoco avrebbe preso ogni cosa sul suo cammino. Marchetti è stato condannato a sei anni di carcere e Carella a sette anni.
È fuggito prima del processo, è stato trovato nel 2007 in Messico ed è stato estradato in Italia.

fenice18.jpg