Leonardo Da Vinci

IMPERDIBILE LEONARDO !

Pittore, inventore, ingegnere, ingegnere, scienziato, umanista, filosofo, è per molti uno spirito universale, che ancora oggi affascina cinquecento anni dopo.
Dal XV al XVI secolo, illustra, e talvolta incarna, il Rinascimento, con i suoi progressi nel campo artistico, ma anche nella scienza e, soprattutto, nell'approccio scientifico.

Leonardo di ser Piero, detto Leonardo da Vinci (Leonardo da Vinci per i francofoni), nacque il 15 aprile 1452 a Vinci, una piccola città toscana vicino a Firenze, dall'amore illegittimo di un notaio, ser Piero, e di una contadina. Dopo una formazione scolastica diversificata, inizia la sua vita adulta come pittore in un rinomato studio fiorentino a Verrochio.
All'età di 26 anni, Leonard lasciò il suo maestro e aveva già acquisito un'ottima reputazione di pittore. Appassionato del nuovo art nouveau del chiaroscuro, perfezionò la sua tecnica dello sfumato, che attenuava i contrasti e migliorava il realismo dei paesaggi o dei ritratti.

Il sorriso della Gioconda, cinque secoli dopo, stupisce ancora oggi il dilettante e interroga l'esperto.
Nel 1481 si trasferisce a Milano per lavorare per il duca Ludovic Sforza.
Le sue attività sono quindi molteplici. Era un pittore (all'epoca fu realizzata l'Ultima Cena) ma anche scultore, autore di spettacoli e ingegnere.
Si occupa di vari progetti tecnici, dai telai ai miglioramenti dell'orologio ed è interessato alla matematica. Come ingegnere, è anche coinvolto in uno studio sull'irrigazione delle colture attraverso fiumi e canali. Un primo urbanista, ha riflettuto su una città ideale.
Dopo l'invasione della Toscana da parte dei francesi, con i quali collaborò temporaneamente, e poi il ritorno di Ludovic Sforza, fuggì a Venezia.

Fu dapprima come ingegnere che entrò al servizio del potere veneziano, per sviluppare una difesa della città contro potenziali invasori, presumibilmente turchi.
E 'stato lì che ha progettato una tuta da casco per operare sott'acqua, ma non sarebbe mai stato testato.

Nel 1500, tornò a Firenze e partecipò a lavori idraulici.
Ma la pittura è ancora al centro della sua opera e fu nel 1503 che iniziò il Ritratto di Monna Lisa, che diventerà La Monna Lisa, un quadro che non lo lascerà mai.

Contemporaneamente, inizia a realizzare un gigantesco affresco murale, La battaglia di Anghiari, a Palazzo Vecchio, di fronte a quello commissionato a Michelangelo. Il lavoro rimarrà incompiuto, forse a causa di un processo di essiccazione un po' troppo innovativo, che ha degradato la vernice. L'affresco sarà coperto da un altro e forse si trova ancora dietro una parete, attualmente coperta da un altro affresco, di Giorgio Vasari.

A quel tempo, Leonard era un appassionato di scienza. Studia matematica, anatomia animale e umana e volo d'uccello.

Continuerà in questa direzione dopo un soggiorno a Milano, in una regione ancora una volta invasa dai francesi e sotto il governo di Charles d'Amboise.

Tra il 1508 e il 1510 realizzò diversi studi che sarebbero stati raccolti in un unico documento, il Codex Leicester.
Questo libro di 72 pagine fornisce una soluzione alla presenza di fossili di conchiglie ad alta quota in montagna (il terreno, secondo Leonard, si è alzato), studia il movimento dell'acqua del fiume e la conseguente erosione e si concentra sulla luce emessa dalla Luna, che sarebbe dovuta al riflesso della luce solare di un oceano che copre il nostro satellite.
In tutti questi studi Leonardo da Vinci segue un metodo razionale e rigoroso basato sull'osservazione. Instancabile ed eclettico, disegna, come testimoniano i documenti che ci sono giunti fino a noi, quasi tutto quello che incontra, esseri umani, animali, piante, meccanismi..... Ha il raro privilegio di avere accesso ai cadaveri umani, di cui studia attentamente l'anatomia interna. In geometria, esplora nuove forme. Il suo disegno del rombo-cuboctaedro divenne famoso. Otto triangoli e diciotto quadrati: è il rombo-cuboctaedro.

joconde.jpg

Leonardo visse i suoi ultimi anni italiani a Roma, al servizio dei Medici, che praticamente governavano il paese e proteggevano l'artista per molto tempo. Ma la concorrenza di Raffaello e Michelangelo, stelle nascenti della pittura e della scultura, è feroce.....
Nel 1515, la battaglia di Marignano dona il paese milanese a Francesco I, che invita Leonardo in Francia.
L'anno seguente, l'artista si trasferisce a Le Clos-Lucé, in una casa padronale a poche centinaia di metri dal castello d'Amboise.
Suscitò l'ammirazione del re, che gli comprò la Gioconda, e lo lasciò libero di "fare quello che voleva".
Ma Leonard era malato e morì nel 1519.
Le decine di migliaia di documenti, appunti scritti a mano, studi, disegni, sono diffusi abbastanza rapidamente e saranno recuperati solo in parte nel corso dei secoli.

L'uomo di Vitruvio

Come dimostra questo famoso disegno dal suo studio del corpo umano, Leonardo da Vinci non ha stabilito un confine tra arte e scienza.
Qui si avvale delle osservazioni antropometriche dell'architetto romano Vitruvio, il cui lavoro sulle proporzioni del corpo umano ha ispirato gli artisti del Rinascimento.

Il patrimonio scientifico di Leonardo da Vinci


Il suo elicottero non poteva volare, la sua tuta avrebbe affogato il suo utilizzatore, il suo paracadute era troppo pesante, il suo carro armato non era molto pratico.....
Ciò che è stato detto sulle invenzioni impossibili di Leonardo da Vinci.
La sentenza è necessariamente ingiusta se non tiene conto del contesto.
All'inizio del XVI secolo, l'unica forza motrice conosciuta era quella animale o umana e la scienza è agli albori.
Le invenzioni di Leonardo, siano esse veramente nuove (come le macchine volanti) o ispirate a lavori precedenti (come molte delle sue macchine idrauliche), erano tuttavia basate su concetti innovativi per l'epoca.
Il suo elicottero, o vite aerea, non può volare, anche con un motore, perché manca di un'elica controrotante per evitare di girare anche la cabina e il suo passeggero. Ma questa bozza sfrutta un'idea nuova: l'aria è densa e ci si può contare su di essa.
Il suo paracadute è troppo pesante perché la tecnologia dell'epoca non aveva ancora inventato..... i nuovi materiali.
Il 26 aprile 2008, Olivier Vietti-Teppa è saltato da un'altitudine di 650 metri sopra l'aeroporto di Payern (Svizzera, cantone di Vaud) con una macchina modellata su quella di Leonard, ma realizzata con una tela moderna.

Queste invenzioni sono rimaste per la maggior parte senza futuro, tranne che nel campo dell'idraulica, probabilmente perché erano molto più avanti del loro tempo, ma anche perché sono rimaste a lungo sconosciute. Durante la sua vita, Leonardo da Vinci ha esplicitamente espresso dubbi sull'uso che ne fanno i suoi contemporanei. Nonostante avesse studiato molti dispositivi militari, l'artista considerava la guerra come "follia selvaggia".
All'approssimarsi della sua morte, lasciò ancora tutti i suoi manoscritti a Francesco Melzi, che fu suo allievo e rimase suo fedele amico. Ma queste decine di migliaia di documenti sono completamente scomparsi nel corso di quattro secoli.
Sul piano scientifico, tuttavia, il contributo di Leonardo da Vinci ha probabilmente segnato la prossima generazione. E' stato in questo periodo che abbiamo assistito alla nascita di un vero e proprio metodo scientifico, che va dall'osservazione alla teoria, all'ipotesi e all'esperienza.
Galileo, nato 45 anni dopo la morte di Leonardo, sarà uno dei prossimi grandi gioielli.

Alcune invenzioni e scoperte

Il martello meccanico, la tuta, il pedalò, le barriere protettive mobili, la pompa idraulica, la pompa idraulica, la macchina per il taglio delle viti di legno, le pinne per i gusci di malta, la pistola a vapore, il sottomarino, il serbatoio, l'automobile, gli sci galleggianti, il calcolatore, il cuscinetto a sfere, l'elicottero, il deltaplano, il telaio meccanico, la macchina cardatrice, la lucidatrice a specchio, il paracadute, la bicicletta (sfidata)...

Terra Incognita - instrumentalZucchero

© 2018-2021 di Passione-Italiana

  • Facebook - Gris Cercle