Il Rinascimento

Il Rinascimento

 

Intorno al 1500 in Europa, chiunque voglia diventare pittore, scultore o architetto ha un solo desiderio: andare in Italia. Gli artisti della penisola sono stati infatti all'origine del Rinascimento. Ancora oggi, l'arte italiana del XV e XVI secolo è un modello a cui tutti si riferiscono, per imitarla o per staccarsi da essa.
Cos'era il Rinascimento italiano? La riscoperta dell'arte antica, e quindi l'imitazione degli Antichi.
Gli artisti italiani del XV secolo rifiutarono l'arte attestata all'epoca in Europa come confusa e disordinata. Prendono come modello l'arte dei greci e dei romani dell'antichità.
Per questo motivo gli storici più tardi chiamarono questo periodo il Rinascimento: l'arte come era praticata ad Atene o nell'antica Roma rinasceva in Italia dopo il Medioevo.
Le opere del Rinascimento italiano portano il segno di questa ammirazione per l'antichità.

Capture-d%u2019écran-2012-02-28-à-09.27.
Ecole-d-Athenes_-_small.jpg
L'emergere di individui

La professione dell'artista cambiò notevolmente durante il Rinascimento: un tempo artigiano anonimo, divenne una persona importante nella società.

I grandi designer italiani sono umanisti , che conoscono la cultura antica e spesso la matematica. Sono menti curiose che cercano di capire il mondo, la creazione di Dio.

Con queste ambizioni, affermano la loro identità nel loro lavoro.

Pertanto, a differenza delle opere del Medioevo, i dipinti del Rinascimento sono spesso firmati.

I principi italiani affermano il loro prestigio legandosi ai migliori artisti per costruire e decorare i loro palazzi.

Così i tre grandi nomi del Rinascimento, Leonardo da Vinci , Raffaello e Michelangelo , lavorarono al servizio dei potenti del loro tempo: il primo fu a lungo impiegato dal Duca di Milano, prima di essere assunto da Francesco I , che lo porta in Francia; Michelangelo , intanto, è al servizio di papa Giulio II : inizia la costruzione della Basilica di San Pietro e dipinge l'immenso affresco sul soffitto della Cappella Sistina, raffigurante scene della Genesi.

Duchi, re o papi, ma anche ricchi mercanti, questi uomini non solo danno agli artisti i soldi di cui hanno bisogno per il loro lavoro, ma trasmettono loro anche i loro desideri artistici, idee e aspettative.

Oltre a questo, devi saperne di più.

Le opere rinascimentali sono quindi generalmente opere su commissione, eseguite non secondo la buona volontà dell'artista ma secondo le istruzioni di ricchi sponsor, intrisi di cultura umanista.

Questi ultimi sono stati chiamati mecenati , dal nome di un antico romano che, come loro, ha aiutato e incoraggiato l'arte del suo tempo.

La presenza degli avventori favorisce i contatti tra le professioni. Non era raro che gli artisti durante il Rinascimento esercitassero diversi talenti: così Michelangelo era contemporaneamente architetto , scultore e pittore ; Leonardo da Vinci ingegnere , pittore e architetto ...

Se il Rinascimento interessò tutta l'Italia, interessò in particolare tre grandi città: Firenze , l'architetto Brunelleschi , lo scultore Donatello , i pittori Masaccio , Beato Angelico e Botticelli , Roma, Leonardo da Vinci , Raffaello e Michelangelo , e Venezia, Mantegna , Bellini , Giorgione , Tiziano , Carpaccio .

Il primo, grazie ai principi dei Medici , il secondo sotto l'alto patronato del Papa, il terzo per la sua grande ricchezza.

Oltre a questo, devi saperne di più.

Oltre a questo, devi saperne di più.

En 1419, à Florence, l'architecte Brunelleschi construit l'hôpital des Innocents : des colonnes antiques soutiennent les bâtiments aux façades symétriques, dont les proportions sont établies selon les règles adoptées par les Grecs.

De nouveaux sujets

Les scènes bibliques, surtout des Vierges à l'Enfant, ornent toujours les églises. Encouragés par les princes et de riches marchands, les artistes de la Renaissance italienne s'inspirent également de la mythologie grecque et romaine.

Enfin la Renaissance italienne, comme l'art antique, se soucie de représenter de façon réaliste l'être humain, son corps et sa beauté. Léonard de Vinci a ainsi passé de longues heures à étudier l'anatomie du corps humain, avec l'ambition de comprendre la beauté de ce qui relève pour lui de la création divine et de lui être aussi fidèle que possible dans ses tableaux.

Découverte de l'Antiquité et souci de comprendre ce qu'est l'Homme font des artistes de la Renaissance des humanistes.

 

L'invention de la perspective

Les artistes italiens inventent aussi une nouvelle technique, la perspective.

Son but est de donner sur un tableau une impression de profondeur, de créer l'illusion d'une troisième dimension là où il n'y en a que deux.

Pour cela, les peintres calculent par exemple la taille que doivent avoir les différents éléments du tableau, les plus « éloignés » devant être de plus petite taille que ceux qui sont censés être plus proches du spectateur.

La perspective, véritable branche des mathématiques, n'est pas seulement une technique : elle témoigne aussi du souci de la part du peintre de guider l'œil du spectateur dans le tableau.

L'artiste affirme ainsi clairement ses intentions, ce qui constitue un trait caractéristique de la Renaissance.

 

sixtine.jpg
leonard1.jpg
raphael.jpg
michelangelo.jpg
francoi1.jpg
julesii.jpg
pas_1084.jpg
venise.jpg
Terra Incognita - instrumentalZucchero

© 2018-2021 di Passione-Italiana

  • Facebook - Gris Cercle