La Storia

Dall'alba al tramonto...

Venezia è una delle città commerciali più fantastiche del mondo nel Medioevo e anche dopo.
Il periodo di massimo splendore è spesso compreso tra il XIV e il XV secolo.
Noi lo chiamiamo talassocrazia*, e non per niente, hanno davvero acceso il mare, ma è ovvio quando si conosce Venezia.
In realtà, il Mediterraneo ha avuto a che fare con la città di Venezia molto prima, e fino all'avvicinarsi della caduta che si può far risalire al XVIII secolo.
Sei secoli di "straordinaria" dominazione (nel vero senso etimologico del termine, perché siamo oltre l'ordinario), dominazione sull'Adriatico, il Mar Ionio, i Balcani, il Levante, il Mar Nero (oggi), il Mar Mediterraneo occidentale, gran parte delle grandi isole di Cipro, Creta e ovviamente l'Europa alpina e l'intera penisola italiana.

*Talassocrazia: potere politico basato principalmente sul dominio del mare.

venice-sestieri.jpg
Sua Storia

La storia di Venezia inizia tra il V e il VII secolo, secoli che videro intensificarsi in tutta Europa le invasioni barbariche delle tribù germaniche longobarde, spingendo gli abitanti di molte città del Veneto, che faceva parte dell'Impero Romano con il nome di X Regio, a rifugiarsi nelle isole della laguna, che oggi costituiscono Venezia.
Su queste isole vivevano popolazioni di pescatori, agricoltori e lavoratori del sale.
Le caratteristiche geografiche e la povertà di queste isole ne fecero un luogo isolato, perfetto per i rifugiati, che si organizzarono e formarono governi locali chiamati "Tribunos Marítimos".
Con l'aumento della popolazione di Venezia e la necessità di proteggersi meglio dai Longobardi che dominavano l'entroterra, apparve la figura del Doge, il capo supremo che sostituì il "Tribuno".
Nel periodo successivo, i corsi d'acqua si trasformarono in piccoli vicoli e apparvero i primi edifici di Venezia, i palafitos (case sorrette da pilastri) in legno di Alerciano.
Durante i secoli IX e XI, Venezia, importante enclave commerciale, conobbe un periodo di prosperità e divenne la capitale commerciale dell'Adriatico. Divenne una città di grande importanza, non solo dal punto di vista commerciale, ma anche militare e politico.
La confederazione della Laguna di Venezia faceva parte dell'Impero Bizantino e aveva sede amministrativa a Ravenna. Costantinopoli concesse importanti privilegi a Venezia per la sua posizione strategica per gli scambi commerciali tra Oriente e Occidente. L'influenza di Bisanzio fu notevolmente diminuita dalla firma del trattato di Aquisgrana tra Carlo Magno e l'imperatore bizantino, come dimostra, ad esempio, il fatto che nell'828 i veneziani rubarono le spoglie di San Marco ad Alessandria, nominandolo patrono della città al posto di San Teodoro, l'ex patrono della città.

ghetto-3.jpg
GHETTO-1024x739.jpg
Sua Storia

La storia di Venezia inizia tra il V e il VII secolo, secoli che videro intensificarsi in tutta Europa le invasioni barbariche delle tribù germaniche longobarde, spingendo gli abitanti di molte città del Veneto, che faceva parte dell'Impero Romano con il nome di X Regio, a rifugiarsi nelle isole della laguna, che oggi costituiscono Venezia.
Su queste isole vivevano popolazioni di pescatori, agricoltori e lavoratori del sale.
Le caratteristiche geografiche e la povertà di queste isole ne fecero un luogo isolato, perfetto per i rifugiati, che si organizzarono e formarono governi locali chiamati "Tribunos Marítimos".
Con l'aumento della popolazione di Venezia e la necessità di proteggersi meglio dai Longobardi che dominavano l'entroterra, apparve la figura del Doge, il capo supremo che sostituì il "Tribuno".
Nel periodo successivo, i corsi d'acqua si trasformarono in piccoli vicoli e apparvero i primi edifici di Venezia, i palafitos (case sorrette da pilastri) in legno di Alerciano.
Durante i secoli IX e XI, Venezia, importante enclave commerciale, conobbe un periodo di prosperità e divenne la capitale commerciale dell'Adriatico. Divenne una città di grande importanza, non solo dal punto di vista commerciale, ma anche militare e politico.
La confederazione della Laguna di Venezia faceva parte dell'Impero Bizantino e aveva sede amministrativa a Ravenna. Costantinopoli concesse importanti privilegi a Venezia per la sua posizione strategica per gli scambi commerciali tra Oriente e Occidente. L'influenza di Bisanzio fu notevolmente diminuita dalla firma del trattato di Aquisgrana tra Carlo Magno e l'imperatore bizantino, come dimostra, ad esempio, il fatto che nell'828 i veneziani rubarono le spoglie di San Marco ad Alessandria, nominandolo patrono della città al posto di San Teodoro, l'ex patrono della città.

Nel 1000, la posizione dominante di Venezia nell'Adriatico fu ulteriormente rafforzata dalla conquista della città di Dalmazia.
Poi, durante l'Alto Medioevo, il suo potere commerciale aumentò notevolmente nel Mar Nero e in Siria, e ampliò il suo controllo sulle rotte commerciali in Oriente, soprattutto durante le Crociate; Venezia divenne così una città marittima per eccellenza.

Dal 1100 in poi, Venezia era diventata una delle maggiori potenze del Mediterraneo e offriva i servizi della sua flotta all'Impero Bizantino.
Venezia si staccò definitivamente dal decadente Impero Bizantino nel 1203 durante la quarta crociata, quando i soldati veneziani attaccarono e conquistarono Costantinopoli. I soldati hanno riportato dall'Oriente un ricco bottino, che si può ancora ammirare nella chiesa di San Marco - marmi preziosi e sculture, tra gli altri..........
Dopo la conquista di Costantinopoli, Venezia riuscì ad estendere la sua supremazia, creando così un vasto impero coloniale.

Nel 1410 Venezia fu la grande potenza militare, commerciale e politica del Veneto, grazie alla sua potente flotta che le permise di operare commercialmente in tutto il Mediterraneo e riuscì ad estendere la sua rete di contatti commerciali in tutta Europa e in Medio Oriente, dall'Inghilterra all'Egitto; anche grazie all'elevato numero di abitanti che la città aveva all'epoca, stimato in circa 100.000 abitanti.
Il governo e l'amministrazione hanno operato secondo i principi della giustizia interna ed esterna. Il suo simbolo, la spada e l'equilibrio, è ancora rappresentato sulla facciata di Palazzo Ducale.
Il governo di Venezia era conosciuto come "Serenísima Signoria", la Serenissima Signoria, ed era composto dal Doge, il cui ruolo era quello di assicurare il rispetto delle leggi e la buona organizzazione del governo; il Gran Consiglio, composto da 2000 membri il cui compito principale era la stesura delle leggi; il Senato, responsabile della politica estera e degli affari economici e militari; "L'Avogadoria de Comùn", responsabile della difesa degli interessi delle famiglie patrizie veneziane e del rispetto della legge; e il Tribunal de la Quarantia, la Corte Suprema.

rouelleg.jpg
Sua Storia

La storia di Venezia inizia tra il V e il VII secolo, secoli che videro intensificarsi in tutta Europa le invasioni barbariche delle tribù germaniche longobarde, spingendo gli abitanti di molte città del Veneto, che faceva parte dell'Impero Romano con il nome di X Regio, a rifugiarsi nelle isole della laguna, che oggi costituiscono Venezia.
Su queste isole vivevano popolazioni di pescatori, agricoltori e lavoratori del sale.
Le caratteristiche geografiche e la povertà di queste isole ne fecero un luogo isolato, perfetto per i rifugiati, che si organizzarono e formarono governi locali chiamati "Tribunos Marítimos".
Con l'aumento della popolazione di Venezia e la necessità di proteggersi meglio dai Longobardi che dominavano l'entroterra, apparve la figura del Doge, il capo supremo che sostituì il "Tribuno".
Nel periodo successivo, i corsi d'acqua si trasformarono in piccoli vicoli e apparvero i primi edifici di Venezia, i palafitos (case sorrette da pilastri) in legno di Alerciano.
Durante i secoli IX e XI, Venezia, importante enclave commerciale, conobbe un periodo di prosperità e divenne la capitale commerciale dell'Adriatico. Divenne una città di grande importanza, non solo dal punto di vista commerciale, ma anche militare e politico.
La confederazione della Laguna di Venezia faceva parte dell'Impero Bizantino e aveva sede amministrativa a Ravenna. Costantinopoli concesse importanti privilegi a Venezia per la sua posizione strategica per gli scambi commerciali tra Oriente e Occidente. L'influenza di Bisanzio fu notevolmente diminuita dalla firma del trattato di Aquisgrana tra Carlo Magno e l'imperatore bizantino, come dimostra, ad esempio, il fatto che nell'828 i veneziani rubarono le spoglie di San Marco ad Alessandria, nominandolo patrono della città al posto di San Teodoro, l'ex patrono della città.