Mafia, il processo

Il Maxiprocesso di Palermo

Il Maxiprocesso, è un processo che si è svolto a Palermo, in Sicilia, dal febbraio 1986 al dicembre 1987, in cui 475 imputati sono stati condannati per numerosi reati legati alle attività mafiose, grazie alla testimonianza di un ex capo mafioso divenuto pentito: Tommaso Buscetta.

Il successo del processo ha portato altri membri della mafia a testimoniare contro i loro ex associati. Ciò ha contribuito a smantellare un notevole traffico di droga organizzato dalla mafia e ha danneggiato i rapporti tra le famiglie siciliane e quelle americane.

La preparazione del MaxiProcesso è stata effettuata con l'istruttoria del pool di magistrati antimafia di Palermo, creato dal giudice Rocco Chinnici e comprendente i giudici Falcone, Gioacchino Natoli, Borsellino, Giuseppe Di Lello e Leonardo Guarnotta. Dopo l'assassinio di Chinnici nel luglio 1983, il suo successore, Antonino Caponetto, ha assunto la direzione della piscina.

Il pool antimafia era un gruppo di giudici istruttori che lavorava a stretto contatto, condividendo le informazioni sui casi correlati, per evitare che una singola persona diventasse l'unico detentore di informazioni su un caso specifico, diventando così un bersaglio unico.

Il Pool Antimafia di Palermo che ha indagato sul Maxi-Trial di Palermo si è svolto tra il 10 febbraio 1986 e il 16 dicembre 1987. Vedendo questo muro di documenti, ci si rende conto del lavoro delle formiche svolto dai giudici istruttori. È facile immaginare il lavoro degli agenti di polizia che hanno indagato su Cosa Nostra nelle condizioni degli anni Ottanta.

Questo Maxi Processo a Palermo è stato il primo grande processo che ha visto tanti mafiosi condannati a pesanti pene, tra cui i capi storici della terribile mafia siciliana.

pool.jpg
dossier-maxi-proces.jpg
Il contesto

L'esistenza dei crimini di mafia è stata negata o minimizzata da molte persone che rappresentano le autorità, nonostante le prove delle sue attività criminali fin dal XIX secolo.

Ciò può essere spiegato in parte da tre particolari metodi utilizzati dalla mafia per beneficiare della quasi-immunità e tenere a bada le indagini: comprare persone importanti, eliminare gli autori di fughe di notizie reali o presunte all'interno della propria organizzazione, e minacciare o addirittura uccidere coloro che rappresentano una minaccia (giudici, avvocati, testimoni, politici, ecc.).

Solo nel 1980, infatti, il deputato comunista siciliano Pio La Torre ha suggerito che l'appartenenza alla mafia debba essere considerata di per sé un reato. Questa legge è stata promulgata solo due anni dopo, dopo l'assassinio di La Torre.

All'inizio degli anni Ottanta infuria la seconda guerra di mafia e il capo del clan dei Corleonesi, Salvatore Riina, fa decimare altre famiglie mafiose. Tommaso Buscetta Toto Riina ha confessato di aver violato tutte le regole di adesione al potere supremo, quella del Padrino dei Padrini, uccidendo tutti coloro che potevano accedere a questa posizione chiave, comprese le donne e i figli degli altri Padrini, degli altri clan per garantire l'impunità. Uccidendo i figli, evita di dover essere ritenuto responsabile ad un certo punto.
Centinaia di persone vengono uccise, tra cui membri delle forze di sicurezza, tra cui il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, capo dell'antiterrorismo, responsabile dell'arresto dei fondatori delle Brigate Rosse nel 1974. La crescente esasperazione dell'opinione pubblica di fronte a questa ondata di omicidi dà la necessaria motivazione a magistrati come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino per cercare di infliggere un duro colpo all'imponente organizzazione criminale dell'isola.

La corte e l'imputato

Mai prima d'ora nella storia della mafia c'erano stati così tanti membri della mafia processati contemporaneamente. In totale sono stati accusati 474 imputati, ma 119 di loro sono stati processati in contumacia, in quanto latitanti e ancora in libertà, compreso il capo Salvatore Riina.

Il predecessore di Riina, Luciano Liggio, era tra gli imputati presenti e non ha richiesto un avvocato, perorando lui stesso la sua causa.

Tra gli imputati c'erano anche Pippo Calò e Michele Greco, lo zio del temuto assassino Pino Greco.

Il Maxiprocesso si è svolto in un luogo vicino al carcere di Ucciardone a Palermo (il carcere in cui è stata rappresentata la commedia I mafiusi di la Vicaria di Palermo, I mafiosi nel carcere di Palermo, di Giuseppe Rizzotto dal 1863 in poi, in un bunker appositamente progettato e costruito per l'occasione.

Si trattava di un vasto edificio di forma ottagonale in cemento armato, capace di resistere agli attacchi dei razzi. All'interno, lungo le mura verdi, erano state costruite delle gabbie in cui gli imputati erano collocati in grandi gruppi.

All'interno di questa struttura c'erano diverse centinaia di giornalisti, carabinieri che trasportavano mitragliatrici e all'esterno un sistema di difesa antiaerea.

aula-bunker-palerme.png
maxiprocesso.jpg
maxiprocesso-11.jpg
OIP.jpg
maxiprocesso (1).jpg
Il processo

Dopo diversi anni di preparazione, il processo iniziò il 10 febbraio 1986.

Il presidente del tribunale era il giudice Alfonso Giordano, coadiuvato da altri due giudici, che potevano sostituirlo se gli fosse successo qualcosa prima della fine del processo, che doveva essere molto lungo.

Lo Stato italiano è stato obbligato per l'occasione a costruire un'aula di tribunale, infatti, nessun tribunale in Italia e nel resto del mondo permette la comparizione simultanea di 475 imputati, dei loro avvocati, testimoni, traduttori che sono venuti dai quattro angoli del mondo per continuare il processo.


"La mafia è rinchiusa nelle sue gabbie e lì... Tra Tommaso Buscetta alias Don Masino, il testimone chiave del processo Maxi, e il rumore lascia il posto a un fitto silenzio che copre l'aula, è accompagnato dalla sua scorta, 4 poliziotti armati che lo proteggono anche in aula, la sedia dove siede è a sua volta protetta da vetri antiproiettile...".
Egli passerà davanti a ciascuna delle gabbie, fissando ognuno degli imputati, pulendo con dignità lo sputo, gli insulti e gli altri insulti che cominciano a volare nella stanza ...
Prende posto davanti al presidente del tribunale e conferma una per una le sue testimonianze indicando e spiegando le azioni di ciascuno degli imputati...

Irrefutabile, la sua testimonianza peserà molto e farà luce sul sistema Cosa Nostra come nessuno avrebbe potuto immaginare ...


Le accuse contro gli imputati comprendevano 120 omicidi, traffico di droga, estorsione e, poiché la nuova legge de La Torre ne ha fatto un crimine, per la prima volta è stata applicata, l'appartenenza alla mafia è stata mantenuta come accusa.

Il giudice Giordano ha ricevuto molti elogi per la sua pazienza e correttezza in un caso così monumentale con così tanti imputati.

Alcuni di loro hanno tenuto un comportamento dirompente e persino inquietante, come uno degli accusati si è letteralmente spillato la bocca per indicare il suo rifiuto di parlare, un altro ha finto di essere pazzo gridando spesso e lottando con le guardie, anche con la camicia di forza, e un altro ancora ha minacciato di tagliargli la gola se una delle sue dichiarazioni non fosse stata letta in tribunale.

La maggior parte delle testimonianze più cruciali provengono da Tommaso Buscetta, il pentito, un mafioso arrestato nel 1982 in Brasile, dove era fuggito due anni prima per sfuggire a una pena detentiva per un duplice omicidio.

Aveva perso molti parenti durante la guerra di mafia, tra cui due figli e il fratello che non aveva legami con la mafia, oltre a molti mafiosi alleati, come Stefano Bontade e Salvatore Inzerillo, e aveva quindi deciso di collaborare con i giudici siciliani. Il clan dei Corleonesi continuò la vendetta contro Buscetta uccidendo altri suoi parenti. Disgustato e profondamente addolorato per l'omicidio dei suoi due figli, testimoniare contro i Corleonesi era l'unico mezzo rimasto per vendicare gli omicidi dei suoi familiari e amici. 

 

Sono state inoltre presentate postume alcune testimonianze del pentito Leonardo Vitale. Sebbene Buscetta sia ampiamente considerato il primo dei pentiti (e certamente il primo ad essere preso sul serio), nel 1973, Leonardo Vitale, allora 32enne, si era già costituito alla polizia di Palermo per confessare la sua appartenenza alla mafia. Aveva confessato di aver commesso numerosi reati per la mafia, tra cui due omicidi. Affermava di essere in "crisi spirituale" e di provare rimorso. Tuttavia, le sue informazioni erano state ampiamente ignorate a causa del suo strano comportamento, come l'automutilazione come forma di penitenza, che lo faceva considerare malato di mente, e le sue confessioni come poco interessanti. Gli unici mafiosi condannati attraverso la sua testimonianza erano stati lo stesso Vitale e suo zio. Vitale è stato internato in un manicomio psichiatrico e rilasciato nel giugno 1984, sei mesi prima che gli venisse sparato.

 

Sono state mosse diverse critiche al Maxi-Trial.

Alcuni commentatori hanno suggerito che gli accusati sono stati vittime di una sorta di vendetta da parte dei giudici. Lo scrittore siciliano Leonardo Sciascia ha detto: "Non c'è niente di meglio per una buona carriera giudiziaria che partecipare ai processi contro la mafia. "Il cardinale Salvatore Pappalardo ha risposto a una controversa intervista in cui ha detto che il Maxi-Trial è stato uno "spettacolo opprimente" e che l'aborto ha ucciso più persone della mafia!

Altri critici ritenevano che la parola dei testimoni, soprattutto quella di Tommaso Buscetta, non fosse un mezzo affidabile per giudicare le altre persone, poiché un informatore, anche se pentito, è sempre un ex criminale, bugiardo e assassino, e potrebbe modificare la sua testimonianza secondo i suoi interessi e il suo desiderio di vendetta.

Si è anche detto che un processo così grande, un tentativo di "consegnare la giustizia in massa", come ha scritto un giornalista, con così tanti imputati, non era il modo migliore per affrontare ogni caso.

(sic) ...

Le informazioni che Buscetta ha fornito ai giudici Falcone e Borsellino sono state estremamente importanti e sono state descritte come "Teorema di Buscetta", facendo dell'affermazione dell'esistenza di una mafia strutturata il fulcro di questo caso. Tommaso Buscetta ha dato una nuova comprensione di come funziona la mafia: una struttura gerarchica unitaria a capo di una commissione, la Cupola, i cui capi possono ordinare i delitti senza sporcarsi le mani, possono poi essere condannati per omicidi che non hanno commesso.

 

Per la prima volta un'indagine giudiziaria ha considerato la mafia come un'entità piuttosto che come un insieme di reati specifici.

I verdetti

Il processo si è concluso il 16 dicembre 1987, quasi due anni dopo il suo inizio. I verdetti sono stati pronunciati alle 7:30 del mattino e per un'ora.

Dei 474 accusati, presenti o assenti, 360 sono stati condannati.

In totale sono stati trascorsi 2.665 anni di carcere, senza contare le condanne all'ergastolo inflitte a 19 capi mafiosi o assassini, tra cui Michele Greco, Giuseppe Marchese e gli assenti Salvatore Riina, Giuseppe Lucchese e Bernardo Provenzano. La giustizia non sapeva che alcuni dei condannati in contumacia erano morti al momento del verdetto, tra cui Filippo Marchese, Rosario Riccobono e Giuseppe Greco. Anche Mario Prestifilippo era sotto processo in sua assenza, ma è stato ucciso in strada durante il processo.

 

114 imputati sono stati assolti, tra cui Luciano Leggio, già in carcere, accusato di aver guidato la famiglia mafiosa di Corleone dalla sua cella e di aver ordinato l'omicidio di Cesare Terranova, il giudice che lo aveva condannato nel 1970. La giuria ha deciso che non c'erano abbastanza prove. Non ha fatto molta differenza per Leggio, che già scontava l'ergastolo a causa di una precedente condanna per omicidio, e che è morto in carcere sei anni dopo. Il numero significativo di assoluzioni ha messo a tacere alcuni critici che avevano ipotizzato che il processo fosse uno spettacolo in cui ci si aspettava che tutti fossero condannati.

Di quelli assolti, 18 furono poi assassinati dalla mafia, tra cui Antoninio Ciulla, ucciso un'ora dopo essere stato rilasciato, mentre andava a una festa in suo onore.

Falcone-Borsellino.jpg
Le chiamate

Nel gennaio 1992, i Giudici Falcone e Borsellino sono stati nominati a presiedere il successivo procedimento di appello del Maxi-Trial. Non solo hanno respinto diversi ricorsi, ma hanno anche contestato alcuni di quelli precedentemente considerati a favore della mafia, ribaltando così le assoluzioni di molti che erano stati liberati dal carcere come delinquenti di massa, ma che dovevano essere restituiti, alcuni per l'ergastolo.

Queste nuove condanne sono state confermate dalla Corte di Cassazione italiana. Questo ovviamente fece arrabbiare i capi mafia, soprattutto Salvatore Riina, che aveva sperato, durante la sua fuga, che la sua condanna per omicidio venisse ribaltata e che potesse uscire allo scoperto per godere della sua immensa fortuna.

Nell'estate del 1992, Falcone e Borsellino furono assassinati in spettacolari attentati dinamitardi. Questo ha scioccato e costernato l'opinione pubblica, e una grande repressione antimafia ha seriamente indebolito l'organizzazione criminale.

Salvatore Riina è stato finalmente arrestato, insieme ad altri mafiosi come Giovanni Brusca, responsabile dell'attentato a Falcone.

È impossibile determinare se il Maxi-Trial è stato un successo o meno, senza tener conto degli eventi che ne sono seguiti. Il primo successo, al suo inizio, è stato quello di decifrare l'organizzazione mafiosa, e di considerarla come tale, piuttosto che come una somma di individui criminali. Questo approccio era già stato adottato negli Stati Uniti, attraverso il RICO (Racketeer Influenced and Corrupt Organizations Act), che ha ispirato una legge simile in Italia. Alcuni commentatori hanno sostenuto che le procedure di appello corrotte hanno in gran parte vanificato il lavoro iniziale del processo, ma anche se ci sono voluti diversi anni e sono costate la vita a due giudici, il MaxiProcesso alla fine ha scatenato una reazione a catena che ha causato almeno un temporaneo indebolimento della mafia, e ha portato alla cattura di diversi funzionari mafiosi in fuga, come Riina e Brusca.

iltraditore.jpg

Il maxi-processo ha ispirato il film italiano Le Traître (Il traditore) diretto da Marco Bellocchio, uscito nel 2019.

Fonte dell'articolo
Wikipedia

Terra Incognita - instrumentalZucchero

© 2018-2021 di Passione-Italiana

  • Facebook - Gris Cercle