Le cinque famiglie

Le Cinque Famiglie sono organizzazioni mafiose, con sede a New York, che hanno tradizionalmente dominato la criminalità organizzata fin dallo sviluppo degli Stati Uniti. Originariamente di origine italiana, queste famiglie sono state da allora responsabili della percezione della comunità immigrata italiana nel melting pot americano. Queste cinque famiglie sono tra le 25 famiglie della mafia americana.
Negli anni Trenta, Lucky Luciano mise fine allo spargimento di sangue che fu la fase finale della guerra tra bande; istituì la Commissione che governava il National Crime Syndicate, ponendo fine agli omicidi dei membri attraverso la ripartizione concertata dei settori territoriali e di attività della malavita, rilevati dalla Cosa Nostra sul suolo nordamericano.
Le cinque famiglie sono le famiglie Bonanno, Colombo, Genovese, Gambino e Lucchese.
Alcuni, come la famiglia Colombo, possono essere chiamati con nomi sostitutivi; è anche nota come famiglia Profaci perché Joe Profaci è stato per lungo tempo il padrino di questa famiglia.

5 familles.jpeg
Balsamo-Giuseppe-Battista.jpg
carlo gambino.jpg
La famiglia Bonanno

La famiglia Bonanno raggiunse il suo apice durante il regno di Giuseppe Bonanno, alias "Joey Bananas". Cola Schiro fondò l'organizzazione criminale che poi divenne la famiglia Bonanno durante il proibizionismo. Salvatore Maranzano, un don che si è arrogantemente proclamato capo di tutti i capi, è succeduto a Schiro. Maranzano è stato uno dei principali istigatori dell'organizzazione delle cinque famiglie newyorkesi. Fu capofamiglia fino al 10 settembre 1931, quando fu ucciso nel suo ufficio di Park Avenue a Manhattan, New York. Dopo questo omicidio, e per i successivi 4 decenni, la famiglia è stata governata da Joe Bonanno, un altro tradizionalista proveniente dallo stesso villaggio siciliano di Maranzano (Castellammare del Golfo).
Le cose sono cambiate per la famiglia quando il patriarca Joe Bonnano volò nel soleggiato stato dell'Arizona nel 1968 dopo aver fallito nel suo sciocco piano di uccidere i padrini delle famiglie rivali a New York e nel New Jersey. A metà degli anni '70, l'agente dell'FBI Joseph D. Pistone, meglio conosciuto come "Donnie Brasco", si è infiltrato con successo in una banda di Bonanno che ha portato alla condanna di 17 mafiosi e soci a New York e Milwaukee. Era la prima volta che un agente federale si infiltrava in una famiglia mafiosa in questo modo e raggiungeva tali risultati.
Nel 1979, il capo ad interim Carmine Galante fu ucciso in un ristorante di Brooklyn. L'omicidio è stato ordinato da Philip "Rusty" Rastelli, che all'epoca era il capo ufficiale della famiglia Bonanno, e da Anthony "Bruno" Indelicato, un giovane capo. Rastelli divenne presto il nuovo capo della famiglia.
Dal 1991 al 2004, Joe Massino è stato il capo della famiglia. I giornali chiamavano Joe Massino "l'ultimo padrino". Era proprietario di un ristorante nel Queens, a Casablanca, da dove gestiva la sua attività. Nel 2004 ha affrontato un processo che potrebbe costargli la pena di morte (è stato accusato di diversi omicidi, estorsione, usura, riciclaggio di denaro, organizzazione di giochi d'azzardo illegali e incendio doloso). Nel 2005, Massino ha deciso di diventare un informatore. Nonostante questo, ha comunque affrontato l'ergastolo.
Dal 2004 al 2006, il capo della famiglia è stato Vincent "Vinny Gorgeous" Basciano. Quando era capo, la squadra di Vinny Basciano era nel Bronx. Basciano è attualmente sotto processo per racket e omicidio. Troppo esposto, Basciano ha lasciato la posizione di boss a Michael Mancuso. Il traffico di stupefacenti è la principale fonte di reddito della famiglia, ma sono anche coinvolti nel gioco d'azzardo clandestino, nello spostamento e nello stoccaggio di merci e nell'edilizia. La famiglia possiede anche società immobiliari, pizzerie e caffè, oltre a parcheggi privati.

La famiglia Gambino

La famiglia Gambino fu fondata nel 1890 da Giuseppe Battista Balsamo, padrino siciliano. Ha raggiunto il suo apice negli anni 1970-1980, quando Carlo Gambino, il suo padrino, era "capo di tutti i capi", poi, dopo la sua morte, è decaduto, soprattutto a causa dei padrini della famiglia Gotti. La famiglia Gambino (conosciuta anche, prima del 1957, come famiglia Manzano) è stata fondata nel 1931. La sua influenza era principalmente negli Stati Uniti orientali, ma si estendeva anche fino alla California. Le sue attività sono lo strozzinaggio, il racket, la prostituzione, il traffico di droga, le scommesse, i contratti di omicidio, i furti d'auto, le truffe, l'evasione fiscale, la gestione dei cantieri, i bar, le discoteche, gli alberghi, i cementifici e le banchine portuali. La sua forza lavoro è stimata in circa 260 liberi professionisti e 4.000 collaboratori. In termini di potenza, è leggermente meno potente della famiglia genovese.

Joseph_Bonanno.jpg
pistone-donnie.jpg
La famiglia Lucchese

La famiglia Lucchese è stata fondata da Vito Cascio Ferro, padrino siciliano.
La famiglia Lucchese divenne famosa nel 1953 quando Tommy Lucchese successe a Gagliano. Ma è nel 1917 che l'antenato della famiglia Lucchese viene fondato sotto l'impulso di Vito Cascio Ferro. Oggi la famiglia Lucchese è composta da circa 100 liberti e 1100 soci.
Tommy Lucchese è stato spesso percepito come una leggenda vivente nel mondo della mafia. È stato condannato una sola volta dalla polizia nei suoi 44 anni di attività mafiosa. La famiglia Lucchese è cresciuta fino a diventare una delle 5 famiglie più influenti di New York, investendo in attività legali come l'autotrasporto e l'industria dell'abbigliamento. Grazie a Tommy Lucchese, questa famiglia italo-americana aveva una rete molto influente con politici e personalità importanti negli Stati Uniti.
Va anche notato che la famiglia Lucchese è stata per alcuni anni in conflitto con altre due famiglie italo-americane sopra menzionate: i Gambino e i Genovesi.

La famiglia Colombo

La famiglia Colombo è stata fondata da Giuseppe Profaci, amico intimo di Giuseppe Bonanno, capo della famiglia mafiosa Bonanno. La fondazione della famiglia Colombo, o famiglia Profaci prima del 1962, risale al 1928, il suo primo padrino fu Joe Profaci. Il suo attuale padrino è Carmine Persico. Era certamente la famiglia meno influente della mafia newyorkese, ma occupava un posto privilegiato perché sapeva come stare fuori dai conflitti. Le sue attività ruotavano intorno alla lavanderia, al trasporto, alla prostituzione, al noleggio di camion, all'edilizia, ai cementifici, al trattamento dei rifiuti e alla realizzazione di film pornografici, tra cui il film Gola Profonda.

La famiglia genovese

Sarebbero circa 250 membri della famiglia genovese. Questa famiglia de la Cosa Nostra è forse una delle più influenti nella criminalità organizzata degli Stati Uniti. Genovese ha anche oltre 1.000 soci. Nel 2005, Genovese ha perso il suo capo, Vincent "The Chin" Gigante, che stava scontando una pena detentiva di 12 anni per racket ed estorsione. Da allora, nessuno è stato identificato come il nuovo padrino della famiglia genovese.
La famiglia genovese fu fondata nel 1909 sotto l'influenza di Joe Masseria, padrino siciliano. Ha raggiunto il suo apice negli anni '50 - '60 quando Lucky Luciano era a capo del gruppo. Questo padrino era noto per essere il "Capo di tutti capi", cioè il capo dei capi di tutta la mafia siciliana, Cosa nostra. All'epoca, la famiglia genovese era soprannominata la "Rolls Royce" della criminalità organizzata. Per fuggire dal carcere, Luciano è fuggito in Italia e ha lasciato il suo Consigliere, Frank Costello, per gestire l'attività.
Nonostante il suo declino dagli anni Novanta e dalla morte di Vincent "The Chin" Gigante, Genovese rimane la famiglia mafiosa meglio organizzata e più potente di New York.