INGRESSO,
POTENZA E LUSSURIA

C'è così tanto da dire su questa grande famiglia, che ovviamente non ho le qualifiche necessarie. Ma qui ci sono le linee principali e i personaggi più importanti.
Da scoprire assolutamente per gli appassionati, attraverso la serie "Les Médicis, maîtres de Florence", che ripercorre e immerge perfettamente nell'atmosfera dell'epoca.
La ciliegina sulla torta, Dustin Hoffman che incarna un Cosimo il grande, eccezionale e magnifico.

La Dinastia

La dinastia dei Medici è l'unica in Europa che ha raggiunto il vertice senza l'uso di armi. Questa famiglia toscana salì a capo della Repubblica di Firenze nel XV secolo, il "Quattrocento" italiano.
La renderà una delle grandi potenze europee e, molto tempo dopo il ritorno di Firenze ad un ruolo più modesto, continuerà a brillare sull'Europa attraverso la sua ricchezza, i matrimoni con le grandi famiglie dominanti e un saggio mecenatismo.

Botticelli_-_Adoration_of_the_Magi_(Zano
Tavolo di Famiglia

Su questa tela commissionata al giovane Sandro Botticelli da Lorenzo di Medici (Adorazione dei Magi, 1476), possiamo riconoscere, in ginocchio davanti alla Vergine, Cosimo il Vecchio. Dietro di lui, in piedi e pensando, suo figlio Giuliano; a sinistra, in rosso, Lorenzo. Al centro, in ginocchio e da dietro, Piero il Gottoso, e alla sua destra, in ginocchio, il figlio maggiore Giovanni, morto presto.

Auguri e disgrazie della Banca

I primi Medici la cui storia è stata conservata sono modesti cambiavalute operanti a Firenze nel XIII secolo.
Lo stemma di famiglia ne conserva la memoria in forma di sei bezants (la moneta bizantina)... a meno che non si tratti di pillole che evocano qualche antenato medico o speziale che ha dato il nome (medico in italiano).
La famiglia uscì dall'anonimato alla fine del XIV secolo dopo la Morte Nera e alcuni importanti fallimenti avevano eliminato le famiglie più potenti di Firenze. La sua fortuna è cresciuta grazie a saggi investimenti nell'industria della lana e nel commercio internazionale. Il capofamiglia, Giovanni di Medici, detto Giovanni di Bicci, assurse alla carica di gonfalonnier.
Sotto la direzione del figlio maggiore Cosimo il Vecchio, le banca Medici è cresciuta fino a comprendere dieci filiali nelle principali città d'affari europee: Bruges, Londra, Ginevra, Milano, Roma.....

Il Papa la invita a gestire le somme che gli arrivano da tutta Europa e a finanziare le sue aziende. Questo cliente è tanto più interessante perché può occasionalmente scomunicare un debitore della banca per renderlo splendido.
D'altra parte, ha il buon gusto di non applicare interessi sulle somme depositate presso i Medici, fermo restando che egli disapprova teologicamente il prestito fruttifero.

Cosimo divenne così il più ricco mercante di Firenze. Dal sanguinamento della Grande Peste (1348), la città ha avuto circa 50.000 abitanti e il territorio che governa è appena decuplicato.

Come molte altre città italiane, è una repubblica oligarchica, governata de facto dalle famiglie più ricche, siano essi banchieri mercantili e imprenditori come i Medici, o discendenti dell'antica nobiltà feudale.
Essi sono eloquentemente chiamati: "il popolo grasso" ("i grassi").
Alla fine della sua vita, utilizzando la sua influenza e generosità, Cosimo ha ottenuto per i suoi sostenitori i magistrati più importanti senza preoccuparsi di alcun titolo per sé stesso. Anche il figlio Piero il Gottoso mostra la stessa cautela.

florin.jpg
I Granduchi di Toscana

Temendo un nuovo disturbo, i 48 senatori si affrettarono a proporre la direzione della città ad un nuovo farmaco.

Cosimo 1er (1537-1574)

Il Cosimo di Medici proviene da un ramo più giovane della famiglia che risale al fratello minore di Cosimo il Vecchio, Lorenzo de Medici. Tra i suoi rappresentanti c'era un condottiero o signore della guerra particolarmente brutale, Giovanni dalle Bande Nere. Ha servito suo cugino Papa Leone X e poi ha combattuto i francesi prima di entrare al loro servizio, ogni volta con le sue atrocità.
Cosimo 1st è suo figlio. Aveva solo 18 anni quando arrivò nel 1537. Con l'aiuto di Carlo V, schiacciò la rivolta popolare e poi conquistò le città rivali di Siena e Lucca. Questo gli valse il titolo di Granduca di Toscana (la regione di Firenze) nel 1569 e fu incoronato dallo stesso Papa Pio V.
Sta gradualmente consolidando il suo potere fino ad abolire ciò che resta delle antiche istituzioni repubblicane. Come Cosimo il Vecchio e Lorenzo il Magnifico, mantiene il suo prestigio attraverso importanti azioni filantropiche. Soprattutto, ha esteso la base territoriale di Firenze, cogliendo gli eterni rivali toscani, Lucca e Siena.
Per rafforzare la posizione del Granducato, Cosme sposò Eleonora di Toledo, figlia del Viceré di Napoli, nel 1539, e soprattutto, nel 1565, celebrò con pompa e circostanza il matrimonio del figlio ed erede Francesco con Giovanna d'Austria, figlia dell'imperatore Ferdinando d'Asburgo. Dalla loro unione è nata Maria di Medici, moglie del re Enrico IV di Francia.

 

Francesco1er (1574-1587)

Amante del piacere e raffinato studioso, il nuovo Granduca sposò la sua amante, una bella veneziana di nome Bianca, dopo il parto della sua prima moglie nel 1576.
Bianca e Francesco morirono brutalmente nel 1587, forse avvelenati dal fratello del Granduca, il cardinale Ferdinando di Medici, che non sopportava più i loro eccessi e la tirannia.

 

Ferdinando 1er (1587-1609)

Le cardinal succède à son frère à la tête du grand-duché. Il s'empresse de renoncer à la pourpre cardinalice et de se marier. Cultivé, amateur des arts et des sciences, comme la plupart des Médicis, il protège Galilée. Il noue aussi une alliance avec Henri IV auquel il donne en mariage sa nièce Marie de Médicis.

Après lui, toutefois, le grand-duché va tomber sous la coupe des Habsbourg. Florence et la Toscane vont rapidement décliner.

La nouvelle élite aristocratique délaisse l'industrie et le commerce, qui ont fait la grandeur de Florence, pour se replier sur les placements financiers et la propriété agricole.

La population stagne et tend à s'appauvrir. Florence rentre dans la normalité.

En 1738, suite à la mort sans héritier du grand-duc Jean-Gaston de Médicis, les puissances européennes s'accordent pour que la Toscane revienne à François de Lorraine, lequel est aussi le mari de Marie-Thérèse d'Autriche, fille de l'empereur Charles IV de Habsbourg. Le duché de Lorraine est quant à lui cédé à Stanislas Leszczynski, roi déchu de Pologne et beau-père du roi de France Louis XV.

C'en est fini du pouvoir des Médicis.

Il Principato dei Medici

Le cose si sono fatte più difficili dopo la sua morte con l'arrivo dei due figli Giuliano e Lorenzo a capo dell'azienda di famiglia. Essi si danno solo il titolo di "principe dello stato".

 

Lorenzo il Magnifico (1469-1492) 

La rivalità con un'altra grande famiglia fiorentina, i Pazzi, portò ad una congiura e all'assassinio di Giuliano nel 1478.
Lorenzo, giustamente soprannominato Lorenzo il Magnifico, prese il controllo della città e ne divenne il padrone onnipotente.
Ma la fortuna della famiglia cominciò a declinare, da un lato a causa del declino dei commerci mediterranei, in seguito alla caduta di Costantinopoli (1453), e dall'altro lato e soprattutto per il disinteresse di Lorenzo il Magnifico, più interessato alla politica che al commercio.
Lorenzo il Magnifico morì nel 1492, anno della scoperta dell'America.

 

Pietro II (1492-1494) e Giuliano (1512-1513)

Suo figlio Pietro II, che non aveva esperienza, fu cacciato dalla città dopo due anni dal predicatore Savonarola, che denunciò la lussuria della classe dirigente e ripristinò le istituzioni repubblicane.
Pietro II perì mentre cercava di riconquistare il potere con l'aiuto delle truppe francesi. Suo fratello Giuliano ha assunto la fiaccola con l'aiuto di Papa Giulio II. Tornò a Firenze nel 1512 con i furgoni dell'esercito pontificio, ma poco dopo si dimise in favore del nipote e morì lasciando un solo figlio naturale, Ippolito de Medici.

 

Lorenzo II (1512-1516)

Nel 1513, a Giuliano succede Lorenzo II (20 anni), figlio di Pietro II. La posizione dei Medici a Firenze sembra essere molto precaria, nonostante una fortuna ancora colossale.
Ma nello stesso anno, il figlio minore di Lorenzo il Magnifico si unisce al Papato con il nome di Leone X. Con la sua autorità, sostenne il nipote Laurent e lo sposò con una francese, Madeleine de la Tour d'Auvergne. Dalla loro unione nacque una certa Caterina de' Medici, che sposò il figlio del re Francesco I di Francia, il futuro Enrico II.
Inoltre, Lorenzo II partì per conquistare il Ducato di Urbino, ma morì durante la spedizione.
Firenze, tuttavia, continua ad essere amministrata da Giulio di Medici, figlio naturale di Giuliano, fratello di Lorenzo il Magnifico, che fu anche cardinale e arcivescovo della città. Nonostante il tumulto delle guerre d'Italia, la città godette di qualche anno di stabilità.
Nel 1523, il cardinale divenne a sua volta papa con il nome di Clemente VII. Affida Firenze ai suoi vicari o subordinati. Tutto va storto quando litiga con l'imperatore Carlo V. Nel 1527, i lanzichenecchi tedeschi saccheggiarono Roma e i fiorentini, stanchi dei Medici, colsero l'occasione per cacciarli di nuovo e fondare una nuova repubblica.
Il papa si riconciliò con l'imperatore e lo convinse a riprendere Firenze. Questo fu fatto il 12 agosto 1530: dopo una lunga resistenza, la città si arrese a Carlo V. E' esausta per quattro decenni di disordini. La guerra, la carestia, la peste e l'esilio hanno dimezzato la popolazione.

 

Alessandro (1530-1537)

L'imperatore pone a capo della città Alessandro di Medici (20 anni), figlio naturale di Lorenzo II. Nel 1532 lo riconosce come duca ereditario di Firenze. Le istituzioni repubblicane sono abolite e sostituite da un Senato di 48 membri il cui ruolo è solo consultivo.
Per la prima volta nella sua storia, la città ebbe un fiorino con l'effigie del sovrano colpito (il disegno fu affidato a Benvenuto Cellini).
Più tirannico e disprezzato della media, Alessandro è odiato sia dai nobili che dagli esuli repubblicani. Gli oppositori chiesero a Ippolito de' Medici, figlio naturale di Giuliano II, di portare le loro lamentele all'imperatore.
Il messaggero fu ucciso sulla strada, probabilmente per ordine del duca Alessandro, e Carlo V, alla fine, confermò Alessandro nei suoi titoli e funzioni. Inoltre, le ha dato sua figlia Margherita d'Austria in matrimonio. Il duca diventa irremovibile se non viene ucciso...

 

Dramma romantico alla corte del duca

L'assassinio che molti chiedono di compiere due anni dopo, il 6 gennaio 1537. È opera di un parente del Duca, Lorenzino de Médicis (20 anni).
La posterità ha mantenuto il soprannome dal suono peggiorativo che gli è stato dato dai fiorentini: Lorenzaccio. Il poeta Alfred de Musset gli dedicò un dramma romantico nel 1834.


Lorenzaccio è un principe colto, appassionato di letteratura latina e amante dei versi. Compagno di dissolutezza del Duca, lo presenta regolarmente alle giovani donne per il suo piacere e fu durante una di queste presentazioni che lo accoltellò. L'assassino, che credeva di soddisfare così un ideale repubblicano mutuato dagli antichi romani, fuggì a Venezia dove fu accolto come eroe dagli esuli. Sarà lui stesso ucciso dal nuovo duca.

 

 

 

 

 

Terra Incognita - instrumentalZucchero

© 2018-2021 di Passione-Italiana

  • Facebook - Gris Cercle