La Puglia...

La valle d'Itria...

Trulli, una campagna collinare e tranquilla, olio d'oliva, vino bianco, prosciutto di capocollo, facile accesso alle spiagge dell'Adriatico e dello Ionio e una mezza dozzina di città veramente pittoresche, tra cui Locorotondo, Martina Franca, Cisternino, Ostuni, Ceglie Messapica e Alberobello....
Benvenuti nella Valle d'Itria, una delle regioni più popolari e attraenti della Puglia!
La Puglia, regione dell'Italia meridionale che forma il tallone dello "stivale", è famosa per le sue città imbiancate a calce sulle colline, i suoi terreni agricoli secolari e le centinaia di chilometri di costa mediterranea. Bari, la capitale, è una dinamica città universitaria e portuale, mentre Lecce è conosciuta come la "Firenze del Sud" per la sua architettura barocca.

I Trulli d'Alberobello

Si tratta di esempi eccezionali di costruzione senza malta, una tecnica ereditata dalla preistoria.
Le case dei trulli di Alberobello, sormontate da tetti piramidali, a cupola o conici, sono costruite con ciottoli calcarei raccolti dai campi circostanti.
Il centro di Alberobello conta più di mille trulli. Il Rione Monti, in cima ad una collina, ne conta centinaia.
La strada principale è una strada dello shopping e ospita molti negozi di souvenir.
Ma avete la possibilità di entrare nei trulli e visitarli.

010 trullo.jpg
015 trulli siamois.jpg
005.jpg

Trulli siamesi

016 symboles.jpg
capalbio1.jpg
Il nostro viaggio in Valle d'Itria

Oltre ad Alberobello, in cui ci siamo persi vagando tra i trulli con il piacere della scoperta, la Valle d'Itria è circondata principalmente da tre città sulle alture.
Il primo che abbiamo visto quando siamo arrivati ci ha abbagliato!
Dalla strada, si vedeva in lontananza sulle alture, come una sorta di cittadella delle Crociate, una città bianca..... Locorotondo.
Siamo andati per caso e naturalmente dovevamo sapere di più su questa città che ci ha promesso tanto. Non siamo rimasti delusi.
Abbiamo passato ore a camminare per i vicoli bianchi e fioriti della città, visitando i giardini, ammirando la valle sottostante con la sua terra rossa, gli ulivi secolari e chilometri di muri a secco. Una delizia per gli occhi e il cuore.

 

locorotondo003.jpg
008 Valleditria.jpg
012 valleitria.jpg
004.jpg
La leggenda dei Trulli

Verso la fine del XV secolo, agli umili agricoltori fu permesso di sviluppare e coltivare le ricche terre di quella che sarebbe diventata Alberobello.
Come abitazioni, questi poveri eredi potevano costruire solo tronchi o rami di alberi e pannocchie.
Ma hanno offerto poco riparo dalle intemperie che potrebbero verificarsi in inverno.
Stanchi, fu solo a metà del XVI secolo che furono finalmente autorizzati a costruire un edificio permanente. A condizione che non utilizzino calce e non siano asciutti. Il signore locale invocava come motivo per cui se i contadini non potevano pagare le tasse e/o i debiti contratti, le loro case sarebbero state demolite, tanto più facilmente perché le pietre erano semplicemente posate una sopra l'altra.

 

Particolarità

Passeggiando per il paese, incontriamo due trulli collegati dallo stesso tetto. Sono i trulli siamesi, un antico edificio di Alberobello che è rimasto praticamente intatto nei secoli.
Secondo la leggenda, i trulli siamesi erano abitati da due fratelli. La più grande era quella di sposare una ragazza che era follemente innamorata del fratello minore. Per un tempo, i tre figli vissero nello stesso trullo, ma quando il fratello gelosamente cieco mandò indietro la coppia, il trullo fu diviso in due e un'altra porta d'ingresso fu costruita sul retro.
In cima al Rione Monti si trova una caratteristica chiesa a trullo.
Costruito nel 1927, è dedicato a Sant'Antonio da Padova e custodisce una reliquia.
Non è di eccezionale bellezza, ma ha un interno a forma di croce greca e una cupola alta 21 metri che rispecchia le forme tipiche dei trulli vicini.

I simboli

Un pinnacolo di pietra calcarea o arenaria ricopre il cono. Questi pinnacoli scolpiti, che hanno varie forme (disco, palla, cono, cono, bacino, poliedro o la loro combinazione), sono, secondo alcune fonti, non simboli araldici ma la firma degli scalpellini che hanno costruito questi edifici. Come spesso accade, questo tipo di ornamento è anche un indicatore dello stato sociale e della ricchezza del proprietario del luogo, a seconda che sia elaborato o meno. A parte questo ruolo di marcatore sociale, il pinnacolo pesa sul cono e rafforza così la stabilità degli ultimi posti a sedere.

Sui tetti dei trulli vediamo misteriosi disegni simbolici.
Simboli primitivi, cristiani o "magici".
Il significato di questi simboli non è accettato all'unanimità dagli storici. Alcuni li attribuiscono a segni religiosi, altri non parlano. Altri esperti fanno risalire l'origine di questi simboli ai tempi dei druidi e li assimilano ai loro riti. Alcuni simboli si riferiscono ai regni animale e minerale. Tuttavia, la spiegazione più razionale sarebbe quella di vedere in essi segnali per scongiurare il destino, per proteggersi da disastri e difficoltà. Simboli legati alla superstizione di popolazioni che non comprendono i fenomeni della natura e risalgono ai tempi antichi.
Infatti, i simboli profani visibili sui coni dell'Hotel dei trulli in cima al Rione Monti, frutto dell'invenzione di pittori moderni e non della tradizione, sono della fine degli anni '50, data di fondazione di questo albergo: Candelabro a 7 bracci, preghiera che sale a Dio, tridente, cartiglio sormontato da una croce e diviso in quattro quartieri con le iniziali di Santo Cosma e Santo Damiano, i due santi a cui è dedicata la basilica locale, cuore sormontato da una croce e trafitto da una freccia, la punta verso il basso (che dovrebbe simboleggiare la Madonna dei Sette Dolori, Santa Maria Addolorata in italiano).

In ogni caso, Alberobello e i suoi trulli sono stati dichiarati "monumento nazionale italiano" dal 1930 e fanno parte del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

locorotondo001.jpg
Il nostro secondo preferito

Martina-Franca, deuxième ville surplombant la vallée d'Itria, avec ses vieilles demeures blanches, ses rues pavées... On aurait presque peur de laisser des traces tellement ses beau !
Le magnifique Arc de saint Antoine est l’une des quatre anciennes portes d’accès à vieille ville qui, jusqu’à l’Unité d’Italie, était entourée de remparts.
En se promenant dans les ruelles étroites et tortueuses, on découvre la merveilleuse basilique de Saint-Martin, véritable perle baroque, le palais ducal, la place du Plébiscite avec sa Tour de l’Horloge ainsi qu’une foule de maisons à l’architecture typiques avec un toit plat de style grec.

E ancora...

Dovremmo parlare di Cisternino, il terzo paese sulle alture della Valle d'Itria, e più avanti, Monopoli, sulle rive del Mar Egeo, Polignano a Mare con le sue meravigliose grotte e favolosi specchi d'acqua, Ostuni, e tante altre città.... ma un intero sito non sarebbe sufficiente.

Non vedo l'ora di tornare, c'è ancora tanto da scoprire. Ho amato questa terra rossa e questi ulivi ancestrali. E che dire della cucina tipica..... una delizia!

Quindi, in conclusione, ho solo una cosa da dire: se vi viene offerto un viaggio in Puglia? Non esitate un attimo, non ne avrete mai abbastanza di entrambi gli occhi per vedere tutto.