Libreria "Acqua Alta"

LA STORIA

La Biblioteca Acqua Alta si trova in un angolo speciale di Venezia, lontano dai flussi turistici più ossessivi, ma vicino ad una delle chiese più belle di Venezia, la chiesa di Santa Maria Formosa. Ma la particolarità non è dove si trova, ma come lo ha concepito Luigi.
Luigi Frizzo, maestro a bordo dell'Acqua Alta, è un veneziano truculento e cordiale che merita una deviazione per conto suo, così come la sua sezione "erotica", di cui è abbastanza orgoglioso.
Ma sotto l'aspetto bonario e la buona pasta di Luigi, c'è anche uno spirito vivace e particolarmente inventivo, ma allo stesso tempo faceto, sempre alla ricerca di una nuova idea per poter soddisfare ancora meglio i suoi clienti.
La biblioteca Acqua Alta è un luogo accogliente dove ci si sente a proprio agio.
Da quando l'alta marea supera i 110 cm sopra il livello del mare, entra attraverso il cancello del canale (e non solo).
La biblioteca è quindi dotata di una serie di elementi galleggianti, ovvero una gondola, una barca abbandonata e persino una vasca da bagno, tutti oggetti galleggianti interamente dominati da libri e libri di ogni tipo: a Venezia, ovviamente perché i turisti sono molto attratti dalla specificità del luogo, ma anche libri d'avventura, libri di mistero e persino antiche enciclopedie, ormai obsolete, che servono come scala per vedere oltre il muro che si affaccia sul canale adiacente o strega per salire sulle pareti che si sfaldano.
Luigi è l'anima della libreria, un uomo tranquillo già introdotto nel mondo dei librai, ma che ha trovato in questo luogo un ambiente adatto alla sua forma.
Commentiamo all'ingresso principale dove c'è una grande gondola che funge da ripiano per i libri su Venezia.
Nella stanza accanto all'ingresso, sulla destra, ci sono romanzi e fumetti. Si va da Urania ai gialli, da Mickey Mouse a Tex, tutti in contenitori pensati per una biblioteca insolita, come una vasca da bagno, molto utile quando la marea si alza e ci vuole poco per inondare l'intera stanza.
Quindi dobbiamo aspettare. Aspettate che l'acqua si stabilizzi, lasciate il negozio e ritornate nel canale adiacente, dove troverete sicuramente un libro che soddisferà i vostri interessi o stimolerà la vostra curiosità. Poi l'acqua scende di nuovo. E la visita può continuare.
Dovete anche sapere che, nonostante queste folli apparizioni, la scelta dei libri su Venezia, anche in francese, è particolarmente importante, vi aspettano molti libri di qualità.

Come raggiungere la biblioteca Acqua Alta? La biblioteca è accessibile dopo aver attraversato il Campo Santa Maria Formosa e imboccato Calle Lunga Santa Maria Formosa. Prima della fine della strada, sulla sinistra, in un piccolo cortile, si trova la biblioteca dei vostri desideri.

 

ACQUA-ALTA-6.jpg
acquaalta.png
Libreria-Acqua-Alta-Venezia.jpeg

Quando hai deciso di andartene?

Quando sono invecchiato, ho deciso di sperimentare la vita in città; ero così timido che ho guardato la città con ammirazione, pensando che la gente fosse più intelligente. Avrei voluto fare il cameriere per aiutarmi a superare la mia timidezza. Ma ero davvero troppo maldestro. Infatti, ho finito per lavorare in una carrozzeria; avrei preferito fare il meccanico (ride.....).
Sono stato due anni in Germania a Baden-Baden, un centro termale della Foresta Nera, poi a Francoforte, prima di imbarcarmi per 4 anni su navi di passaggio. E' stata un'esperienza fantastica. Stavo lasciando Genova, senza nemmeno conoscere la destinazione della nave. Una volta ho scoperto a bordo che stavamo facendo il giro del mondo. Europa, Gibilterra, Panama, Canale di Suez, Australia.
Lì ho visto il mondo intero.

Che lavoro stava facendo sulla nave?

Ero un cameriere.

Quale posto ti ha affascinato di più?

Tout ceux où il y avait des femmes...

Tutti quelli dove c'erano donne...

Tutti gli uomini sono Casanova, quello che dice di non essere un bugiardo.
La natura ci ha fatto questo, non dipende da noi. Gli uomini amano e cercano sempre le donne, è un istinto sacro.

Cos'è cambiato nella tua vita?

Sono un uomo autodidatta della vita.
Un momento estremamente importante per me è stata la scoperta di Steiner e di tutta questa serie di scrittori della scienza della mente e dell'esoterismo. (Rudolf Steiner, austriaco, fu il fondatore dell'antroposofia, una dottrina di derivazione teosofica che concepisce la realtà universale come una manifestazione spirituale in continua evoluzione, che può essere osservata e compresa, con il mondo fisico, con un approccio scientifico attraverso la cosiddetta "Scienza della mente" o antroposofia).
Quando a Steiner è stato chiesto che cos'è l'antroposofia, ha risposto che l'antroposofia è l'incontro tra lo spirituale che è nell'uomo e lo spirituale che è nel corpo. Mi ha cambiato la vita, mi ha fatto vedere il mondo da una prospettiva diversa. Così ho imparato a filosofare, ad essere più tranquillo, a perdonare e a non preoccuparmi troppo dei problemi della vita.

C'era una donna che amavi più di ogni altra?

Sì, quando ero giovane, c'era una delle mie compagne di classe più giovane di me di un anno e il suo nome era Irene. Era il mio amore d'infanzia.
Poi ho scoperto altre forme d'amore. L'amore è lo spirituale; se una persona è veramente innamorata, prova gioia per la felicità dell'altro, indipendentemente da ciò che fa. Anche il tradimento è molto piccolo. Cito Novalis, che è stato per me il più grande poeta, teologo, filosofo e scrittore del romanticismo tedesco: "ogni incantesimo è una follia indotta artificialmente", dove tutte le passioni sono incantesimi; e finisce per dire che una bella donna è una strega, più reale di quanto si pensiamo.
Tutto questo è gioia, incantesimi. La gelosia non ha radici nell'amore, è solo passione ma non è amore. Il vero amore è un grano che si sente nel corpo, è difficile da descrivere. E' un'opera d'arte.
La parola che viene dal mio cuore è solo "gioia" .....

Avete altre frasi di Novalis da condividere con noi?

Sì, una è lunga solo quattro righe e dice: "il carbone e il diamante sono la stessa sostanza, ma come sono diversi" e aggiunge: "Non potrebbe essere lo stesso per uomini e donne? Siamo di argilla e le donne sono idrofoni e zaffiri di argilla pura. "
Un'altra citazione di Novalis: "Il cielo è la pelle della terra e toccare un corpo è come toccare il cielo".

Intervista condotta da Corinna Ivaldi

Oggi ho davanti a me un uomo originale, sereno, con due grandi occhi azzurri che non solo osservavano la vita come spettatori, ma ne traevano l'essenza stessa.
Luigi, cosa rimane del bambino nell'uomo di oggi?
Quando un uomo è giovane, deve affrontare la vita, le passioni, il coraggio, le conquiste, le donne; e tutto questo viene superato dall'esperienza della vita stessa. Ci aspettiamo la vecchiaia in pace e tranquillità dopo aver vissuto una vita piena di esperienze, positività e negatività. San Giovanni ha detto: "Non potremo mai ringraziare abbastanza i nostri nemici, perché abbiamo imparato molto da queste esperienze".
Qual è stato il tuo primo lavoro?
Già da bambino portavo al pascolo le vacche in alta montagna, avendo vissuto in un paese di poco più di 2000 abitanti, Aymavilles. Si trova nella vallata di Cogne, nonostante sembra un nome francese. Nel villaggio di Pondel sorge il Pont D'Aël cheè è un bellissimo ponte-acquedotto romano. Di quell'esperienza di fanciullo mi sono rimasti nel cuore le stelle alpine, le marmotte ed i camosci.
Da bambino conducevo le mucche a pascolare in alta montagna, vivevo in una città di poco più di 2000 abitanti, Aymavilles. Si trova nella valle di Cogne, anche se il suo nome ricorda un nome francese. Nel villaggio di Pondel si trova il ponte Aël, un magnifico ponte dell'acquedotto romano. Ho tenuto nel cuore la stella alpina, le marmotte e i camosci.

acquaalta001.jpg
ACQUA-ALTA-7.jpg
ACQUA-ALTA-5.jpg
luigi3.jpg

Il tuo più grande affetto?

La mia famiglia, i miei figli. Il più vecchio è Lino; poi Maeva, che è un nome haitiano (il suo significato è "benvenuto e ti amo"), che è stato concepito a Tahiti ed è nato a Parigi; il terzo si chiama Martina e come secondo nome ho voluto mettere anche Ondina.
Poi ci sono gli affetti che si incontrano nella vita di tutti i giorni, senza rendersene conto, e può essere un barbone, un cantante, bambini innocenti, piccoli animali..... Sono anche i miei grandi affetti e ciò che ti dà emozioni profonde, sono il flusso della vita.....

Come si chiamano i tuoi gatti?

Io ne ho cinque. La prima si chiama Tiger, è sempre con me. Poi ho avuto un maschio, ma lui mi ha abbandonato e ha scelto di trasferirsi in un altro posto. Più di dieci volte ho provato a riprenderlo, ma niente da fare, si tornava sempre indietro.
Gli altri due si chiamano Dominique e Mussi Pu; il cognome deriva dal latino e significa "catturare il topo", era il nome usato per i gatti ai tempi della Repubblica di Venezia. All'interno del Palazzo Ducale c'è una colonna su cui è inciso questo nome.
Gli ultimi ad arrivare sono Coco e Zichi, nomi scelti dai nostri dipendenti della libreria.

Come ti è venuta l'idea di aprire una libreria?

Una ventina d'anni fa ho venduto prodotti biologici in Valle d'Aosta, Piemonte e Liguria, precisamente a Savona.
Il cambiamento è avvenuto dieci anni fa. Ho incontrato una donna che aveva una libreria in Valle d'Aosta e abbiamo deciso di lavorare insieme. Alla fine ho aperto una mia libreria.
Questa è la terza biblioteca. Come ho già detto, sono affascinato dal lavoro di Rudolf Steiner a cui ho dedicato una parte della mia attività. Oltre ai libri su Venezia, gatti o Corto Maltese, ci sono anche libri fuori catalogo.
Mio figlio Lino acquista intere biblioteche private, è sempre vicino a me e lo ammiro molto per il tempo che passa con me e in libreria. Vive in Valle d'Aosta dove vivo per metà del mese. L'altra metà che vivo a Venezia,
Questa è la terza libreria. Come vi ho ho già detto sono affascinato dalle opere di Rudolf Steiner a cui ho dedicato una sezione del mio negozio. Oltre a libri su Venezia, sui gatti o su Corto Maltese, si trovano libri rari rari fuori catalogo. Mio figlio Lino ha acquisito intere biblioteche da privati, è stato membro del mio fianco ed io lo ammiro molto per il tempo che dedica a me ed alla libreria; ha vissuto in Val D'Aosta, dove trascorre metà del mese; l'altra metà vive a Venezia.

Siamo alla fine di questa intervista, come volete salutare i lettori?

Con una frase di Sant'Agostino "ama e fai ciò che vuoi".
"Amate e fate quello che volete."

Fonte:

https://www.mondospettacolo.com