Onorata societa

Onorata società, omerta

« Nun sacciu, nun vidi, nun ceru; e si ceru, dormivu »

Non so niente, non ho visto niente, non ero nemmeno lì - e se c'ero, stavo dormendo.


Un detto siciliano che esprime l'omertà, e leggendolo abbiamo capito tutto.

"La parola omertà, come mafia, è di origine incerta, ma se l'etimologia del termine è confusa, il suo significato è chiaro. L'Omertà è molto più di un'ingiunzione a tacere, più di una legge del silenzio; è un vero e proprio modo di vivere, una cultura, l'elemento centrale della visione del mondo mafioso, piena di diffidenza e di mistero: "L'interpretazione dei segni, dei messaggi, è una delle principali attività dell'uomo d'onore.
Giovanni Falcone.

Quindi la mafia originale è siciliana.
Le prime forme di organizzazione mafiosa sono nate in Sicilia all'epoca dell'unità d'Italia, in opposizione al nuovo Stato che avrebbe messo fine alla struttura feudale dell'Italia meridionale.

Apparve nella seconda metà del XIX secolo.
Nella prima metà del XIX secolo, l'aristocrazia lasciava sempre più spazio alla borghesia nella gestione del territorio. In generale, le tasse sono aumentate; i terreni precedentemente riservati ai poveri sono stati confiscati e privatizzati. Con l'annessione all'Italia (1861), si aggiunsero nuove tasse imposte dal Nord, rendendo la situazione insostenibile.

È in questo contesto che è nata la mafia.
In un contesto di crisi economica dovuta al piano di integrazione dell'economia del sud con quella del resto d'Italia da parte del nuovo governo piemontese, i proprietari si sono appellati alla classe borghese per garantire il mantenimento del loro potere sulla popolazione.

Gli uomini chiamati "gabellotti" o "campieri", perché riscuotevano una tassa sui contadini o sorvegliavano i terreni agricoli, difendevano le proprietà dagli attacchi dei briganti o dalle rivolte contadine. La mafia ha quindi assunto i poteri dello Stato e per farlo si è messa in contatto con le autorità locali.

002.jpg
le parrain .png
81Fcvhv9o-L._AC_SY450_.jpg
003.jpg

Il mafioso è prima di tutto un miserabile, cacciato dalle sue terre, costretto a vagare, a mendicare, a derubare, ad assumere i suoi servizi, a fare il racket.
Ma c'è un altro tipo di mafia: il ricco, il proprietario che sfratta e paga i pezzi grossi che sfrattano, riscuote le tasse, estorce fondi sotto la minaccia delle armi, senza passare per i tribunali (comunque troppo permissivo).
In un momento in cui i poveri e i ricchi diventeranno più poveri, i legami diventeranno più stretti; man mano che aumentano le difficoltà, aumenta il valore della parola data, nasce così la società onorata, la società degli uomini d'onore, di coloro che mantengono la parola e la lingua.
Con la mafia, la nozione di omertà è sigillata. Ogni "uomo d'onore" deve tenere a freno la lingua, deve preferire il silenzio alla denuncia, i fatti alle parole.
Omertà è l'uomo, omu, e umiltà, umiltà, l'uomo umile, rispettabile, degno di questo nome, che tace e agisce.
È innegabilmente in un contesto di estrema povertà che si sviluppa la mafia: senza condizioni estreme, gli scagnozzi sono difficili da reclutare, e senza scagnozzi pronti a eseguire gli ordini, non c'è organizzazione.
La mafia è legata anche alla nozione di "padrino".
Il padrino è il capo dell'organizzazione, colui che accumula più ricchezza e che prende tutte le decisioni. Ogni uomo gli deve "rispetto"; chi infrange questa regola deve morire.
In origine la mafia era organizzata, aveva un capo e un popolo per svolgere le sue attività; ma più la povertà cresceva in Sicilia alla fine del XIX secolo, più le "mafie" prosperavano e si organizzavano, più diventavano numerose e si contendevano il controllo dei territori e delle entrate.
La mafia si è quindi organizzata nel tempo in modo piramidale.
Il capofamiglia, il "dono" del Padrino, si trova proprio in cima. Nomina il suo secondo in comando e i capi "capidecina" che devono controllare gli uomini d'onore "picciotti". Intorno a questa organizzazione piramidale si aggiungono i "soci", membri della società che hanno un legame con l'organizzazione come poliziotti, avvocati, giudici, medici? Le famiglie esercitano così il controllo su un intero territorio.