"Il Risorgimento" ...

Che cos'è??...

 

Il Risorgimento (termine italiano che significa "rinascita" o "rinascita" del verbo risorgere "risurgir", o in francese "risurrezione" o meglio "risurrezione", in senso reale e figurativo), è l'insieme di eventi che hanno portato alla completa liberazione dell'Italia e all'unificazione del paese sotto la guida di Giuseppe Garibaldi e Giuseppe Mazzini: il primo sarà l'"uomo d'azione" capace di conquistare un regno con pochi uomini, il secondo sarà il teorico della rivolta.
Questo è il periodo della storia d'Italia della seconda metà dell'Ottocento, quando i re di Casa Savoia unirono la penisola italiana annettendo al Regno delle Due Sicilie, il Granducato di Modena e Reggio, il Granducato di Toscana, il Ducato di Parma e gli Stati Pontifici al Regno di Sardegna.

risorgimento8.jpg
risorgimento2.jpg
risorgimento6.jpg
Dal 1821 al 1870

Il Risorgimento nasce da un movimento spirituale e ideologico e da un desiderio di rinnovamento iniziato nel XVIII secolo; i suoi ideali sono ideali di dignità e libertà.
E' consapevole del fatto che c'era un'Italia "storica" che intendeva creare un'unità politica e diventare uno Stato.

Evoluzione territoriale durante il Risorgimento:
1820: Prime rivolte napoletane e la "carboneria".
Un carbonaro è, letteralmente, un produttore di carbone di legna. All'inizio del XIX secolo, i carbonari erano ancora abbondanti nelle montagne forestali dell'Italia meridionale. Durante l'occupazione francese del Regno di Napoli, dal 1806 al 1815, molti irregolari, metà banditi, metà soldati, metà soldati, si unirono a loro per essere più sicuri e quindi in grado di combattere contro la dominazione straniera; naturalmente, essi presero il nome di carbonari, precisando che erano in odore di santità tra i monarchici, le autorità religiose e l'Impero austriaco poiché combattevano contro l'invasore. Tuttavia, con la restaurazione dei Borboni al trono di Napoli, la Carbonaria divenne una società segreta, perché il suo scopo era ormai quello di sconfiggere l'assolutismo monarchico e conquistare le libertà politiche attraverso una costituzione.
1859, alla fine della prima guerra d'indipendenza, la Repubblica di Saint-Marc diventa brevemente indipendente.
Seconda guerra d'indipendenza: a differenza della prima, la seconda guerra d'indipendenza fu un vero successo, la conclusione di questa guerra portò all'unione del Piemonte con la Lombardia e anche all'annessione dell'Italia meridionale, Parma, Bologna, Modena, Modena, la Romagna, le Marche e la Toscana.
Nel 1860, durante la seconda guerra mondiale d'indipendenza, i ducati italiani si unirono e poi entrarono nel Regno di Sardegna con la Lombardia, mentre la Savoia e la Contea di Nizza furono cedute alla Francia.
Nel 1861, alla fine della seconda guerra mondiale e della spedizione dei Mille, il Regno d'Italia si formò dopo l'annessione della Romagna, delle Marche e dell'Umbria e del Regno delle Due Sicilie.
La proclamazione del Regno d'Italia (17 marzo) è una delle più importanti conquiste del Risorgimento.
1866, terza guerra d'indipendenza, al termine della quale il restante Veneto austriaco è annesso al Regno d'Italia.
Nel 1870 l'unificazione italiana si completa con l'assorbimento degli Stati Pontifici: Roma diventa la capitale del Regno d'Italia.

Nello stesso tempo, è nato il principio di "nazionalità"; per i liberali, questo principio, ereditato dalla Rivoluzione Francese, significava libertà e sovranità popolare, per i conservatori, fedeltà alla tradizione e all'antico ordine sociale; per altri rappresentava una comunità di lingua, cultura, sangue e patria.

La vendita del Veneto

Durante la guerra austro-prussiana del 1866, l'impero austriaco e la Prussia combatterono per la supremazia sugli stati tedeschi.
Il Regno d'Italia la vedeva come un'opportunità per cogliere il Veneto sotto il controllo austriaco e unire le forze con la Prussia.
L'Austria sta cercando di convincere il governo italiano ad accettare il Veneto in cambio del mancato intervento.
L'8 aprile l'Italia e la Prussia hanno firmato un accordo che concede la sovranità veneta all'Italia, che il 20 giugno ha dichiarato guerra all'Austria.
Come parte dell'unificazione italiana, la guerra austro-prussiana è conosciuta come la Terza Guerra d'Indipendenza.
Victor-Emmanuel prese il comando di un esercito e attraversò il Mincio per invadere il Veneto, mentre Garibaldi dovette invadere il Tirolo con i suoi cacciatori alpini.
Lo scenario è diventato catastrofico quando l'esercito italiano si è scontrato con gli austriaci a Custoza il 24 giugno e ha subito una grave sconfitta.
Il 20 luglio la Regia Marina perse la battaglia di Lissa. Ma l'Italia non fu distrutta perché, il giorno dopo, le truppe volontarie di Garibaldi sconfissero gli austriaci nella battaglia di Bezzecca e si diressero verso Trento.
Nel frattempo, il cancelliere prussiano Bismarck considera la sua guerra finita e il 26 luglio firma un armistizio con l'Austria.
L'Italia, caduta dal suo alleato, depose ufficialmente le armi il 21 agosto. Garibaldi ricevette l'ordine di fermare la sua avanzata e rispose con un telegramma di una sola parola: "Obbedisco" ("obbedisco").
Nonostante lo scarso successo dell'Italia, la vittoria della Prussia sul fronte nord di Sadowa costringe l'Austria a cedere il Veneto. Durante il trattato di pace firmato a Vienna il 12 ottobre, l'imperatore Francesco Giuseppe tenta una manovra cedendola alla Francia. L'obiettivo è quello di tenerlo fuori dalle mani italiane mentre corteggiava la Francia e quindi di rompere i rapporti tra Vittorio Emanuele e Napoleone III.
Fu un fallimento, perché quest'ultimo cedette il Veneto all'Italia il 9 ottobre, conformemente al trattato franco-italiano sull'annessione dei Savoia alla Francia.
Le forze austriache cercarono di opporsi agli italiani, ma senza successo.
Victor-Emmanuel entra trionfalmente a Venezia.

risorgimento10.jpg
risorgimento11.jpg
risorgimento12.jpg
risorgimento12.jpeg
Per andare oltre

Il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano a Torino è il più importante dei musei storici italiani.
Si tratta dell'unificazione politica del paese realizzata nel XIX secolo dalle rivoluzioni della fine del XVIII secolo. Attualmente si trova nel Palazzo Carignan,
e presenta una ricostruzione dell'ufficio del conte di Cavour e della camera dove morì il re Carlo Alberto di Savoia, oltre all'originaria Camera dei Deputati del Parlamento del Regno di Sardegna.
Da vedere assolutamente se siete interessati e che si passa da Torino.

Roma

I territori ancora sotto il controllo pontificio rimangono sotto la protezione delle truppe francesi.
Dopo la battaglia di Porte Pia del 20 settembre 1870, il plebiscito del 2 ottobre dell'anno successivo confermò l'annessione di Roma al Regno d'Italia.
Dopo Torino nel 1861 e Firenze nel 1865, la capitale italiana fu fondata a Roma nel giugno 1871.
Papa Pio IX scomunicò Vittorio Emanuele II, ponendo così le basi per il "non expedit", che fu la regola nella vita politica cattolica per quasi mezzo secolo. Da rifugiato in Vaticano, dove si considera prigioniero, il Pontefice scatenò la polemica politica sul ruolo della "Città Eterna", capitale politica e temporale: fu l'inizio della questione romana, definitivamente risolta nel 1929 dagli accordi lateranensi.
Questi accordi sono un insieme di tre testi diplomatici, il più famoso dei quali è il trattato tra la Santa Sede e l'Italia.
Furono firmati a Palazzo Laterano l'11 febbraio 1929 tra il Regno d'Italia, rappresentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Benito Mussolini, e la Santa Sede, rappresentata dal Cardinale Pietro Gasparri, Segretario di Stato di Papa Pio XI. Ratificati il 7 giugno 19291, pongono fine alla "questione romana", avvenuta nel 1870 dopo la presa di Roma e la sua annessione da parte della monarchia italiana.
Riducono la sovranità temporale del Papa al solo Stato della Città del Vaticano. Essi confermano che la religione cattolica, apostolica e romana rimane l'unica religione dello Stato italiano, secondo lo Statuto del Regno del 1848.

Di tutti gli ex stati italiani, solo San Marino non partecipa all'unificazione.
Fino alla metà del XIX secolo, si poteva considerare che, secondo la definizione di Metternich, l'Italia non era altro che una "espressione geografica".
L'unificazione italiana è quindi un evento importante nella storia dell'Europa in quanto ha trasformato l'espressione geografica in realtà politica. Tuttavia, mentre tutti concordano sul fatto che l'unificazione è stata una svolta nelle relazioni internazionali, le interpretazioni divergono quando si tratta di contestualizzarla.
Alcuni storici vedono in questa nascita dell'Italia un fenomeno specificamente italiano, senza alcun legame reale con le circostanze dell'epoca.
Altri, al contrario, ritengono che l'unificazione italiana sia parte di un processo comune non solo a tutte le nazioni europee, ma anche a quelle del mondo intero: una rivoluzione universale che ha sconvolto le strutture sociali che il tempo rende necessariamente obsolete.

risorgimento1.jpg